CRONACA

Maxiconcorso di Forio, al Palasport via alle prove preselettive

Ieri i primi due gruppi di candidati hanno affrontato il gradino iniziale della procedura che mette in palio undici posti di istruttore amministrativo a tempo pieno e indeterminato, oggi gli altri due turni. In serata i risultati, domani le due prove scritte per i “superstiti”

Si conclude oggi la prima parte del “concorsone” di Forio. Parliamo del concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione a tempo pieno ed indeterminato di undici istruttori amministrativi, categoria C. Ieri è infatti iniziata la prova pre-selettiva, diretta a scremare le numerosissime domande di partecipazione arrivate al Comune di Forio.

Stavolta infatti i candidati che avevano presentato l’istanza sfioravano le novecento unità, ma come accade sovente nelle selezioni pubbliche, molti sono coloro che non si presentano all’avvio delle prove. I nominativi erano stati suddivisi in quattro gruppi. Alle 10.30 di ieri mattina il primo “turno”, poi alle 13.00 il secondo. Stesso programma oggi per i rimanenti due scaglioni.  In ogni caso, vista la tendenza della giornata di ieri, i partecipanti effettivi dovrebbero attestarsi intorno alle quattrocento-quattrocentocinquanta unità:  nel primo turno della giornata di lunedì si sono presentati in 105, mentre nel secondo i partecipanti erano 111.

Nella prima giornata si sono presentati in totale 216 candidati, poco più della metà degli iscritti . Oggi alle 10.30 e alle 13.00 gli ultimi due scaglioni.

Teatro della selezione, come di consueto a Forio, è stato il Palazzetto dello Sport di via Casale, zona solitamente amena ma che in questi giorni si trasforma nella sede di ansie, dubbi, timori di centinaia di concorsisti, giunti non soltanto dai vari comuni dell’isola, ma anche da diverse zone dell’hinterland napoletano e da altre Regioni d’Italia. Una trasferta di non poco conto, uno sforzo non soltanto a livello di studio ma anche economico per tanti in cerca di un lavoro nella Pubblica Amministrazione.  Tutti in fila al di fuori della struttura sportiva, nonostante la canicola estiva, cercando uno spicchio di ombra dove trascorrere l’attesa. In compenso nella struttura, efficacemente ventilata, la temperatura era ideale. Il copione è stato lo stesso di tanti concorsi: assegnazione dei posti, le spiegazioni sul comportamento da tenere durante la prova, le istruzioni sulla compilazione della scheda per i dati personali, poi il “via”. Le operazioni si sono svolte senza intoppi, e la commissione presieduta dal dottor Barbieri ha condotto con regolare celerità questa prima giornata di prova preselettiva, che consiste in trenta domande sulle varie materie oggetto del concorso, con un tempo a disposizione di trenta minuti. In pratica, un minuto per rispondere a ciascun quesito, scegliendo una delle tre risposte a disposizione. Domande che andavano dal diritto costituzionale a quello amministrativo, dall’ordinamento degli enti locali ai reati contro la pubblica amministrazione, senza trascurare qualche quesito sul diritto civile.

La “scrematura” ridurrà notevolmente la rosa dei candidati: stasera si conoscerà l’esito completo della prova pre-selettiva, con la pubblicazione della graduatoria, e soltanto i candidati classificati nei primi cinquanta posti (compresi eventuali pari merito al 50° posto) della graduatoria saranno ammessi a partecipare alla prima prova scritta, in programma domani mattina, mercoledì, alle  ore 8.30. Anch’essa consisterà in  domande a risposta multipla, e per superarla sarà necessario conseguire un punteggio minimo di 21/30. Il programma sarà senza respiro, perché poco dopo verranno pubblicati i risultati, coi nominativi di coloro che saranno ammessi alla prova teorico-pratica, in programma alle 11.30, consistente nella redazione di un atto o di un provvedimento.

Annuncio

Si concluderà così la fase “scritta” della selezione. I “superstiti” in grado di conseguire anche in questo caso il punteggio minimo di 21/30 saranno ammessi alla prova orale, in data da fissarsi. Oltre agli undici fortunati, la selezione fornirà una graduatoria valida per tre anni.  

Come si ricorderà, un’analoga procedura concorsuale si svolse la scorsa estate, ma venne poi annullata dopo alcune interrogazioni dell’opposizione consiliare foriana: nel bando non erano considerati materia d’esame la conoscenza della lingua inglese e dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse, così come disposto dall’art. 37 del D. Lgs, 165/2001;  motivazione che contribuì alla sospensione del concorso.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close