CRONACA

Monnezza sul porto, ecco il benvenuto sull’isola d’Ischia

L’ennesima denuncia dei Verdi evidenzia un malcostume diffuso sul territorio. Che in questo caso, però, annovera anche una imbarazzante “aggravante”

“Monnezza e strade allagate, il benvenuto del porto d’Ischia”. Da Mariarosaria Urraro, Commissario dei Verdi nell’Isola d’Ischia parte la denuncia sullo stato di abbandono del porto. Secondo l’esponente del partito ambientalista “È davvero un pessimo biglietto da visita, quello che stamattina (ieri per chi legge ndr) ha riservato l’area portuale a chi è sbarcato ad Ischia”. In effetti le immagini sono chiare e non lasciano spazio all’immaginazione. Nelle foto sono immortalate delle scene non consone ad un posto civile e soprattutto ad un luogo che vive di turismo.

“Una banchina con un lago d’acqua, strade allagate con acqua di mare e marciapiedi invasi da rifiuti con auto posteggiate al di sopra”, questo è quanto denuncia Mariarosaria Urraro che ogni giorno attraverso i social contrasta lo stato di abbandono che colpisce alcuni punti dell’isola. E non solo. Le denunce della commissaria dei Verdi nell’isola di Ischia partono dai social ed arrivano in Regione. È il caso della pericolosa ed imbarazzante situazione del Rio Corbore sulla quale il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli presenta un’interrogazione regionale all’Assessore Regionale dell’Ambiente. Da mesi, infatti, la sezione isolana dei Verdi, capitanata da Mariarosaria Urraro sta denunciando la situazione insostenibile del Rio Corbore. Il congliere Borrelli ha chiesto all’assessore regionale all’Ambiente quali iniziative intende intraprendere la Regione Campania per il disinquinamento e per l’eliminazione di tutti i fattori inquinanti dell’alveo.  

Articoli Correlati

Un commento

  1. E’ brutto dirlo ma cara Urraro potrai fare denunce all’infinito, saranno solo lette e basta.
    La gente se ne frega di tutto e di tutti, non c’è rispetto, l’educazione non esiste più.
    Dovrebbero inventare una pillola dal nome “AMORE” ne basterebbe una per cambiare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close