CRONACA

Monterone ha nuovamente il suo asilo in via Baiola

La frazione del comune di Forio ha finalmente un nuovo presidio per ospitare le lezioni dedicate ai piccoli bambini. Soddisfatta la dirigente Chiara Conti: «Abbiamo già pronti 10.000 euro di elementi didattici da fornire ai nostri alunni».

Quando un asilo riapre le porte ai bambini una comunità intera è più felice. E a partire dal prossimo anno scolastico la comunità all’ombra del torrione potrà fare affidamento su un nuovo edificio scolastico pronto ad accogliere i cittadini più piccoli di Forio in ambienti comodi e sicuri. Per la precisione ad avere un nuovo spazio dove imparare e giocare saranno i piccoli che abitano nei dintorni di Monterone. Quando l’edificio che serviva decine e decine di bambini in zona è stato chiuso lo sconforto è stato tangibile. Si pensò di spostare la scuola presso il vecchio Municipio turrita, non senza qualche estrema difficoltà. In concomitanza partì la ricerca di un immobile che potesse ospitare bimbi, maestre e personale Ata, un luogo sicuro dove i genitori avrebbero potuto accompagnare i propri piccoli in un luogo attrezzato e adeguato

Un edificio cercato a lungo sul territorio comunale di Forio, nella frazione di Monterone in una zona adeguatamente servita dai mezzi pubblici e collegata alle principali vie di comunicazione. Con una consistenza di almeno 120 metri quadri con una destinazione ad uso residenziale, conformità catastale, legittimità dell’immobile; e completamente ristrutturato ma anche dotato di impianti in completa efficienza, realizzati in modo da minimizzare i costi di gestione e manutenzione. I bimbi potranno quindi finalmente essere accompagnati nella nuova struttura situata in una zona abbastanza centrale,a pochi passi da Monterone, in via Baiola, L’edificio che ospiterà i bambini è situato in una traversa poco distante dal centro di Monterone, proprio lì dove c’è il supermercato Crai. L’edificio, dotato di piscina e tutti i comfort per l’accoglienza di turisti, ha accolto negli ultimi anni turisti in cerca di relax nel comune di Forio, adesso cambierà destinazione d’uso e accoglierà i bambini dell’asilo che finalmente potranno tornare a frequentare scuola vicino casa.

Non nasconde la propria soddisfazione la dottoressa Chiara Conti,  Dirigente scolastica dell’istituto comprensivo “Luca Balsofiore”, che nonostante avrebbe preferito una struttura statale, già pronta e adeguata ad accogliere i piccoli foriani in un edificio già predisposto alle lezioni, apprezza gli sforzi del comune e del primo cittadino Del Deo per raggiungere l’obiettivo di fornire alla comunità un importante punto di riferimento per il prossimo anno scolastico. Adesso l’edificio sarà oggetto di alcuni lavori per abbattere alcuni muri e aumentare lo spazio a disposizione dei bambini e delle maestre.

Ad attendere i primi scolari del nuovo plesso di via Baiola ci saranno poi un gran numero di accessori didattici acquistati dalla dirigente per fornire un servizio adeguato alle esigenze di apprendimento dei piccoli alunni. Lavagne interattive, libri, personal computer e altri importanti sussidi didattici arricchiranno la scuola. Non nascondono la propria gioia anche molti genitori che finalmente potranno portare i propri figli a poca distanza da casa, una comodità di non poco conto che potrà concedere alle mamme e i papà di accompagnare i bambini anche senza utilizzare l’automobile che contribuisce ad aumentare il traffico in una zona molto trafficata e delicata vista, appunto, la presenza dei bambini che frequenteranno il nuovo asilo di Monterone.

Grande scalpore aveva comportato, alla fine di autunno, proprio la perpetrata chiusura dell’edificio finalizzato all’accoglienza dei bambini. “Penso si possa e si debba pensare da subito ad una soluzione tampone individuando un immobile sempre nell’area della frazione (albergo in chiusura per la pausa invernale, sala parrocchiale, etc.) evitando il disagio di andare a Panza e comunque, laddove si dovesse proprio andare a Panza, prevedere un servizio di scuola bus per evitare di risolvere un problema creandone altri – dichiarava Vito Iacono qualche mese fa criticando l’assenza di un edificio adatto a ospitare i bambini. Ora finalmente questo vuoto è stato colmato.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close