Statistiche
ARCHIVIO 5

Monterone, si apra il parcheggio senza farne strumento di propaganda elettorale

 A cura del PCIM-L

FORIO. Sede stradale e marciapiedi paurosamente dissestati, verde pubblico completamente abbandonato, palazzine IACP fatiscenti con intonaci caduti e infiltrazioni d’acqua piovana che si verificano in alcune abitazioni. E’ questo il triste scenario dell’abbandono sociale in cui versa il Rione Umberto I dove i residenti sono stati da sempre trascurati da quelle istituzioni, come l’Istituto Autonomo Case Popolari e l’Amministrazione comunale che avrebbero dovuto garantirgli una certa dignità abitativa. E invece, nonostante i continui solleciti del Consigliere di opposizione Domenico Savio, non è stato fatto nulla. Ma nel Rione Umberto I, dove  Savio da sempre è presente al fianco dei cittadini che rivendicano il riconoscimento dei propri diritti sociali, c’è un’altra vergogna che ormai si trascina avanti da quasi quindici anni. E riguarda il costruendo parcheggio i cui lavori a tutt’oggi non sono ancora terminati. Lavori che sono stati completati solo sulla superficie dello stabile dove, nonostante da tempo siano stati tracciati i box numerati, si continua inspiegabilmente a non dare la possibilità ai residenti di parcheggiare la propria auto: da non credere. Evidentemente gli amministratori comunali prima di consegnare l’area di sosta alla cittadinanza stanno attendendo che si avvicinino le elezioni in modo tale che l’inaugurazione del parcheggio possa rappresentare una ghiotta occasione di propaganda elettorale per l’amministrazione uscente guidata da Francesco Del Deo, ha dichiarato Domenico Savio. “Da tempo – ha dichiarato Domenico Savio – molti residenti del Rioni mi chiedono quando sarà finalmente possibile parcheggiare lì dove i box sono stati già tracciati e numerati. Cari cittadini – ha continuato Savio -, non vi meravigliate. Mancano due mesi al voto e vedrete che stanno aspettando l’avvicinarsi delle elezioni e pochi giorni prima verranno qui in pompa magna ad inaugurare la parte superiore di questo parcheggio per buttare, come si suole dire, il solito fumo negli occhi ma per quanto concerne il miglioramento della vostra vita quotidiana nulla sarà fatto e così rimarranno i problemi di sempre legati alla fatiscenza delle palazzine, al dissesto stradale e al verde pubblico abbandonato. Continueranno  non fare nulla così come niente hanno fatto in questi cinque anni nonostante le mie continue sollecitazioni”.

L’augurio di Domenico Savio è quello che in occasione delle prossime elezioni amministrative del 10 giugno i cittadini di Monterone si ricordino dello stato di abbandono sociale a cui li hanno condannati i precedenti e gli ultimi cinque anni di malgoverno amministrativo e nel segreto dell’urna vogliano votare per un radicale cambiamento. “Il mio augurio e quello del mio partito – ha detto il Consigliere comunale del PCIM-L – che da una vita ci battiamo per la risoluzione di questi problemi e non certamente in campagna elettorale, come consigliere comunale continuerò a lottare sino all’ultimo giorno del mandato affinché qualcosa si faccia immediatamente, però i cittadini devono capire che se vogliono cambiare devono trovare la forza, il coraggio, la dignità sociale il 10 di giugno di esprimere un voto veramente alternativo. Un voto di rinnovamento serio affidando l’amministrazione del Comune a veri figli del popolo, cioè a gente che vive gli stessi problemi sociali che attanagliano tutti voi”.

 

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x