CRONACA

Musica e architettura con Teresa Sapey, PIDA al via al Castello del Piromallo

Musica e architettura che si fondono in uno scenario di assoluta suggestione, il Castello del Piromallo di Forio. Con una lecture musicata inedita si apre oggi, lunedì 28 settembre, la nona edizione  del PIDA, il Premio Internazionale Ischia di Architettura. Appuntamento alle 20.30 con l’architetto, designer ed artista Teresa Sapey, cui sarà consegnato il premio alla carriera e che darà vita a una  imperdibile serata di note e riflessioni, accompagnata dalla musica di Emanuele Belloni e dalle percussioni di Massimo Ventricini.
Inizialmente previsto nel borgo di Sant’Angelo, l’evento è a ingresso gratuito fino a esaurimento posti (contingentati per normative anti-Covid), consigliata la prenotazione su piattaforma Eventbrite (www.eventbrite.it/e/121254869579).

Laureata in architettura al Politecnico di Torino nel 1985, Sapey ha completato il suo percorso di studi a Parigi, dove ha ottenuto la laurea in Belle Arti alla Parson School of Design ed un Master a La Villette. Nel 1990 si è trasferita a Madrid, dove ha fondato il suo studio. Ha preso parte al progetto dell’Hotel Puerta América con il disegno dei parcheggi; in questo progetto hanno preso parte 18 architetti tra cui Jean Nouvel, Arata Isozaki, Norman Foster e Zaha Hadid.  Al momento presiede una cattedra all’Istituto Europeo di Design di Madrid ed è docente ospite di diverse università internazionali. Organizzato dall’associazione PIDA con la forte collaborazione dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Napoli e Provincia, il Premio Internazionale Ischia di Architettura abbraccerà, fino al 3 ottobre, workshop, lectio magistralis, concerti e laboratori ispirati alla “LandEscape Therapy”, un gioco di parole che sintetizza l’esigenza di trovare nella sintonia con l’ambiente una strategia d’uscita, terapeutica, ai mali della contemporaneità.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button