ARCHIVIO 3

Nati per leggere, tutto pronto a Procida

Il prossimo 28 febbraio alle 16.00 presso la Casa Comunale di Procida si inaugura la partenza del Programma nazionale di promozione della lettura in famiglia da 0 a 6 anni Nati per Leggere.

Le volontarie sono in fermento e felici di cominciare ad impegnarsi nella costruzione del presidio locale e del ponte con gli altri presidi della regione Campana.

“In questi mesi ci siamo conosciute” dice Valentina Costagliola “Affiatate, insieme abbiamo frequentato il corso di formazione organizzato dal Coordinamento regionale NpL Campania. Il corso si è tenuto a Bacoli, presso Villa Cerillo, che ospita la Biblioteca di Bacoli ed al suo interno il Punto Lettura Nati per Leggere. Si tratta del punto lettura più vicino a noi e al quale facciamo riferimento in termini di coordinamento d’Area”.

“Nati per Leggere è un Programma nazionale declinato localmente attraverso le azioni regionali” continua Lisa Costagliola “Nati per Leggere in Campania è presente da 15 anni e la nostra regione esprime una rete molto forte e coesa. Il sostegno iniziale da parte di chi ha più esperienza ci sembra importante non solo per la qualità della proposta ma soprattutto per l’idea di rete, che è uno dei fondamenti dell’esperienza di NpL. Pur col mare di mezzo è essenziale che le iniziative che proponiamo siano collegate alle altre iniziative sul territorio. Il ponte lo fanno le persone e le idee di cui sono portatrici, di questo abbiamo fatto già qualche esperienza con la referente NpL dell’Area Flegrea, Rosa Spinelli.”  Mena Russo interviene: “Qui sull’isola in molti già conoscono NpL, e tante persone ci hanno avvicinato per manifestarci il loro interesse. Ci dicono che Procida è stata ed è in tanti modi un’isola letteraria: appunto l’isola di Arturo, asilo di tanti scrittori, ospite del premio Elsa Morante. Non poteva non ospitare un presidio NpL. A tal proposito probabilmente occorre dire che NpL è un programma di promozione della lettura dalla gravidanza ai sei anni. Obiettivo principale è la diffusione della lettura in famiglia, come primo momento di condivisione tra genitori e figli. Un adulto che legge un libro è un adulto che dedica la sua attenzione, facendo da modello al bambino. E i volontari NpL fanno, a loro volta, da modello ai genitori, per sostenerli e incoraggiarli e far sì che la lettura condivisa in famiglia entri nell’esperienza quotidiana, al fine di consolidare la relazione e apportare benefici allo sviluppo psicofisico dei bambini.

Il Programma NpL è basato su una solida ricerca scientifica da cui emerge che dedicare in famiglia un tempo quotidiano alla lettura è il fattore che meglio di tutti favorisce l’apprendimento e agisce sulla relazione, rendendola più significativa nell’esperienza del bambino. Pertanto il Programma ha una connotazione sanitaria prima che una culturale, ovvero opera nell’area della prevenzione della salute del bambino (non a caso è promosso dall’Associazione Culturale dei Pediatri ed ha la sua Segreteria nazionale presso il Centro per la Salute del Bambino onlus)”.

Annuncio

Maria Rosaria Scotto conclude: “Le indicazioni che abbiamo ricevuto durante il corso sono state per molti versi illuminanti, ci sono state presentate anche le caratteristiche per scegliere libri di qualità adeguati all’età del bambino, gli indicatori che fanno di un libro una buona proposta in relazione in una determinata fascia d’età. La selezione dei libri indicata da NpL fa venir voglia di leggere soprattutto a noi! Per il momento ci ritroviamo a suggerirci titoli, sorridiamo alle storie, ci deliziamo con splendide illustrazioni e aspettiamo impazienti di poter cominciare a vivere le storie con i nostri figli e le famiglie dell’isola”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close