CULTURA & SOCIETA'

Nel mare d’Ischia i test per una nuova tipologia di sottomarino

140 i metri raggiunti dallo staff che ha potuto ammirare in anteprima, e senza muta, la meraviglia dei nostri fondali

Una nuova frontiera del turismo sta per invadere l’isola verde, colore, quest’ultimo, che stavolta non viene riferito al tufo o al verde della macchia mediterranea. Parliamo del mare, di un’isola verde anche sott’acqua che oggi, grazie a una nuova tipologia di sottomarino, vedrà l’apertura di nuove frontiere per la ricerca in ambito marino e non solo.

Nelle acque dell’Area Marina “Regno di Nettuno”, infatti, proprio qualche giorno fa sono stati avviati i test su una nuova tipologia di sottomarino. Il primo ha visto protagonisti oltre allo staff della casa costruttrice, la U-Boat Worx, e lo staff della Cookson Adventures, i biologi marini della Stazione Zoologica Anton Dohrn, il Dott. Marco Munari e la Dr.ssa Nuria Teixido, il Comandante della Guardia Costiera Andrea Meloni e Pietro Sorvino dell’ASN Diving Ischia come guida esperta dei fondali dell’Isola Verde.

“Il test – ha spiegato il dott. Munari della Anton Dohrn – ha consentito di esplorare meglio i fondali di Sant’Angelo, una tra le mete predilette dei subacquei ricreativi per la bellezza e la biodiversità dei suoi fondali, caratterizzati dalla presenza di gorgonie, spugne e coralli di ogni forma e colore”. 140 i metri raggiunti dallo staff che ha potuto ammirare in anteprima, e senza muta, la meraviglia dei nostri fondali.

“Abbiamo trovato – ha commentato ancora Munari – una buona biodiversità data dalla presenza di “foreste” di gorgonie, anche se di animali si tratta, che nel Mediterraneo corrispondono alle barriere coralline. Molte specie vi trovano riparo e le utilizzano come aree di riproduzione.

Una buona conservazione dovuta soprattutto alla presenza di un’Area Marina Protetta e alla buona frequentazione dei diving dell’isola, molto attenti alla salvaguardia dell’ambiente naturale. Parliamo di veri guardiani del mare, un tesoro da valorizzare e salvaguardare da tutti noi che di mare viviamo, dal visitatore della domenica al residente”. E il sottomarino?

Annuncio

Si tratta della serie Cruise Sub che offre un’ampia selezione di sommergibili per 5, 7, 9 o 11 persone che possono immergersi da 300 metri a 1.700 metri il tutto a impatto ambientale zero.

Questi sottomarini possono ospitare il maggior numero di occupanti di tutti i sommergibili U-Boat Worx, offrendo allo stesso tempo prestazioni di prima classe, sedili girevoli e il massimo comfort. Grazie al design del viewport a doppio attacco e alle numerose opzioni di personalizzazione degli interni e degli esterni, questi sommergibili possono essere adattati a diverse destinazioni, tra queste il turismo sommerso e chissà se qualche vip non abbia intenzione di provare questa incredibile esperienza! A organizzare il tutto la Cookson Adventures, compagnia Britannica specializzata in viaggi di lusso, che mette in contatto i suoi clienti con ricercatori da tutto il mondo dando loro l’opportunità di rapportarsi con esperti mondiali, ovunque essi si trovino, permettendo agli scienziati di poter utilizzare attrezzature all’avanguardia come questo sommergibile.

“Si tratta di un esperimento che, per la sua innovazione, ha richiesto un’attività di valutazione del rischio in base alla quale abbiamo posto in essere delle precauzioni al fine di salvaguardare la sicurezza di questa attività sia da potenziali pericoli sul fondale che chiaramente in superficie. Un’esperienza entusiasmante, dal punto di vista personale, e l’orgoglio é che sia l’area marina protetta Regno di Nettuno ad aver accolto quest’esperimento che avrà sicuramente delle ripercussioni positive per la ricerca marina e per il territorio”. Così il Comandante della Guardia Costiera di Ischia Andrea Meloni.

Questo nuovo tipo di sottomarino apre quindi la strada anche a nuove frontiere per le immersioni a scopo ricreativo oltre che scientifico, permettendo a chiunque di vivere e apprezzare i segreti e la ricchezza dei fondali marini, a profondità altrimenti inavvicinabili ai più.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close