Statistiche
CRONACA

«No agli anomali dimezzamenti del Cas»

L’appello dell’associazione “Protagonisti per l’isola d’Ischia” al Commissario Schilardi e al Governo

Come cambierà l’erogazione del Cas agli sfollati del sisma del 2017? La questione continua a tenere banco a Casamicciola. L’associazione “Protagonisti per l’isola d’Ischia”, tramite l’ingegner Vitale Pitone e l’avvocato Agostino Iacono, ha inviato una nota a vari esponenti delle istituzioni, chiedendo “delucidazioni sull’applicazione dell’art. 18 comma 1, lett. i-ter”, che riguarda la riduzione del 50% dell’importo del contributo autonomo sistemazione (cas) concessi in favore dei nuclei familiari in abitazioni non di proprietà”. In particolare, nella nota viene chiesto al Commissario per la Ricostruzione Carlo Schilardi, di non applicare il citato dimezzamento del contributo autonomo sistemazione a quei nuclei familiari la cui abitazione principale, abituale e continuativa distrutta o danneggiata del sisma risulti di proprietà di un parente consanguineo.

Sempre all’ex prefetto si fa richiesta di “corretta applicazione della lettera i-ter) dell’articolo 18, comma 1, applicando la riduzione del 50% dell’importo del contributo autonomo sistemazione (CAS) soltanto agli inquilini, evitando di estendere tale riduzione a tutti i reali attori della Ricostruzione che sono anche i parenti consanguinei ed in particolare i figli di proprietari”. Al Commissario viene inoltre chiesto di identificare tutti i soggetti che hanno interesse e possibilità di chiedere (proprietari, usufruttuari e titolari di diritto di godimento) gli interventi di ricostruzione privata ai sensi dell’art. 21 del Decreto legge n. 109 convertito in Legge n. 130 del 2019, ai quali non va applicata la riduzione del 50 % del contributo autonomo sistemazione, evitando di essere equiparati agli “inquilini”. Secondo l’associazione, Schilardi dovrebbe anche tenere conto, tenendo presente l’attuazione dell’art. 3 Cost, della situazione adottata diversamente a favore dei parenti consanguinei e congiunti nel Centro Italia, nonché di tenere conto dell’art. 10, comma 0a) della Legge n. 208 del 2015 (Legge di Stabilità 2016) vigente al momento dell’entrata in vigore della Legge n. 156 del 2019 (con la quale è stata aggiunta la lettera i-ter al D.L. n. 109/2018 conv. In L. 130/2018), per una corretta applicazione della riduzione del 50% del contributo autonomo sistemazione (e successiva eliminazione) soltanto nei confronti degli “inquilini”.

Pitone e Iacono chiedono contestualmente al Commissario per la Ricostruzione un incontro, nella settimana tra il 18 maggio e il 22 maggio, sul tema in questione e su altre problematiche. Tra i destinatari delle richieste, vi sono anche il Presidente del Governo, la Protezione Civile e il Senatore Crimi, che sono pregati di “intervenire nelle loro competenze sulle questioni esposte per eliminare le anomalie evidenziate”. Infine, si chiede celere e urgente risposta a “tutti i diretti interessati della nota in oggetto sulle richieste presentate per chiedere l’attivazione di tutti i provvedimenti necessari al fine di eliminare le anomalie evidenziate, riservandosi anche manifestazioni forti e civili per il riconoscimento dei diritti dei terremotati (in particolare in favore di tutti i soggetti interessati alla Ricostruzione del tessuto immobiliare, sociale ed economico) dell’Isola d’Ischia”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x