Statistiche
ARCHIVIO 2ARCHIVIO 4

NU’ JEANS E NA’ MAGLIETTA: LA MODA ISCHITANA

DI VALENTINA FELICI

 

Hanno segnato intere generazioni e stanno bene a tutti. Sono diventati nel corso del tempo parte integrante della vita di tutti i giorni di uomini e donne dell’intero pianeta. Un vero e proprio status symbol tanto da essere considerato un’icona di stile proprio come un famoso personaggio storico. Hanno compiuto più di 140 anni di vita e hanno ricoperto un ruolo importante nelle più eccentriche e famose passerelle della moda mondiale. Un viaggio nel tempo senza dimostrare la propria età; i jeans entusiasmano ancora bambini, giovani e anziani senza cadere in eccessi stravolgenti.

 

Alcuni storici fanno risalire la data dei jeans intorno al 1873 anno in cui Strauss ottenne il brevetto per i blue jeans. Si diffondono nella seconda guerra mondiale ed infine negli anni 50 diventano popolari tra gli adolescenti e simbolo della ribellione adolescenziale dopo che James Dean li indossa nel film Gioventu’ bruciata nel ’55. Stretti, scoloriti dal lavaggio chiaro a quello scuro, liscio o delave’ a campana, skinny e strappati; sono diventati con gli anni il modello principale dello stile in genere e vivono di pari passo con le proposte della moda che varia di stagione a stagione.

Ads

Indossati da donne di varie generazioni calzano perfettamente a tutte le età senza distinzione tra i sessi. La cosa bella di questo indumento è che invecchia con le persone. Più si utilizza e si lava più assume una caratteristica unica diventando un puro requisito estetico naturale del consumo. Un jeans diventa prezioso col passare degli anni. Soprattuto se ha un buon tessuto come il famoso Levis 501 che ha la caratteristica del modello anatomico, ossia e’ adattabile alle curve fisiche di chi lo veste. Stiamo parlando quindi di un capo che diventa famoso e non soffre per niente la crisi. Il capo per eccellenza del Must Have di look casual da sfoggiare in ogni occasione. Un indumento intramontabile prezioso che viene rivisitato dagli stilisti mondiali per dare un tocco di glamour personalizzato.

Ads

E chi più ne ha più ne metta; non esiste al mondo una sola persona che non ha un paio di jeans nell’armadio, dall’operaio alla principessa. Ebbene sì, nelle copertine dei giornali di gossip se ne sono viste di principesse che hanno portato e sfoggiato questo capo in tutte le versioni; essendo molto versatile si accosta facilmente a tutti gli stili. Elegante, rock e casual; sono vari i look che hanno come protagonista questo indumento diventato ormai quasi indispensabile. Un oggetto di culto che non passa mai di moda anzi la rinnova, con i più studiati tagli fashion adatti alle quattro stagioni.

Figuriamoci se l’ischitano glamour se li fa scappare. Quest’inverno di modelli se ne sono visti in giro, i più attuali quelli con lo strappo centrale, non proprio eleganti ma sicuramente cool; per san Valentino, curiosando tra le vetrine delle boutique più in voga sull’isola il modello gettonato e’ sicuramente quello a vita alta che torna ad essere una tendenza oltre che simbolo di raffinatezza proposto poi in tante versioni differenti e caratteristiche.

Ha da sempre valorizzato il fisico sin dagli anni 60, tanto che le icone dell’epoca hanno indossato questo modello immortalandolo nelle copertine di Vogue dando una sexy visione del fondoschiena senza mai cadere nella volgarità. Risulta un capo molto confortevole e facile da abbinare, indossandolo non si sbaglia mai ed enfatizza la femminilità in modo totalmente naturale. Si abbandona per fortuna “l’indecenza” della vita troppo bassa per ritornare alla compostezza di una volta. Sembra di immergersi negli anni 70. E va benissimo per chi a casa ha i bauli pieni di modelli denim vintage da ribattezzare.

Il jeans è rimasto un capo umile ed è sostanzialmente “l’unico e solo” inimitabile indumento alla portata di tutti.

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x