CRONACAPRIMO PIANO

Nuovo appello a De Luca dai docenti vittime del sisma

Oltre all’ulteriore conferma della deroga, si invoca il trasferimento definitivo per i docenti di ruolo immessi nell’ultimo triennio, vista la perdurante drammatica situazione, con la ricostruzione ancora di là da venire

Si è svolto ieri pomeriggio un importante incontro riguardante i destini dei vari docenti isolani che sono stati colpiti in varia misura dal sisma del 21 agosto 2017. Una condizione difficile, in alcuni casi drammatica, verso la quale si cerca una soluzione che vada al di là delle deroghe stabilite negli in questi anni, spesso intervenute all’ultimo minuto, a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, come è accaduto alla fine della scorsa estate. Una rappresentanza dei docenti terremotati dell’Isola di Ischia ha incontrato quindi l’assessore Fortini della Regione Campania. La riunione è stata promossa dalla Dirigente Scolastica Chiara Conti, dell’Ambito 15, per evidenziare tutta la serie di problematiche connesse al terremoto.

E in effetti, la situazione abitativa dei docenti dei Comuni di Casamicciola terme, Lacco Ameno e Forio è fortemente compromessa e difficile. Da quando furono varate le norme sulla “Buona Scuola” fino ad oggi per molti docenti neo immessi in ruolo, negli ultimi tre anni da parte del Governo sono stati emessi numerosi decreti in seguito alle note: n. 666/2017, n. 607/2018 e 20490/19. In particolare, subito dopo il sisma, dal Decreto del Consigli dei Ministri del 22 agosto 2017 sono state concesse misure straordinarie per l’assegnazione provvisoria dei docenti dei tre comuni terremotati. Tuttavia, come detto, spesso tali assegnazioni provvisorie sono arrivate al limite del tempo utile, causando prevedibili disagi a quei docenti che ormai erano in procinto di dover valutare il trasferimento altrove, in vari casi pur dovendo fronteggiare le condizioni critiche di stretti familiari e congiunti.

Dalla riunione sono emerse in particolare due richieste. La prima riguarda la conferma ulteriore dei posti in deroga sull’Isola di Ischia per ogni ordine e grado. La seconda invoca finalmente una risoluzione definitiva per i docenti di ruolo, immessi nell’ultimo triennio, per l’ottenimento di un trasferimento definitivo, anche perché continua tuttora a essere invariata la situazione, con le loro abitazioni ancora alle prese con le conseguenze dei pesanti danni riportati e quindi inagibili.

I docenti hanno sottolineato che l’intervento che si invoca per Ischia è stato già apportato in favore delle zone terremotate dell’Aquila, provocando dunque il rischio di una disparità di trattamento.

Durante l’incontro è stata poi stesa una nota con cui i docenti hanno ritenuto opportuno segnalare l’esito e le richieste al Presidente della Regione Campania, ringraziandolo per l’attenzione e la disponibilità dimostrata nella riunione dall’Assessore dottoressa Fortini. Nella nota viene richiesto un intervento straordinario del Presidente De Luca perché la ricostruzione non è di fatto ancora partita, e la situazione dei docenti paradossalmente non è diversa da quella della notte del 21 agosto 2017. Da allora, i docenti dei tre Comuni sono sottoposti ad un grande stress dovuto all’insicurezza di ottenere l’assegnazione e la possibilità di dover rientrare agli inizi di settembre di ogni anno nelle sedi di titolarità, dalle più vicine alle più lontane. Una situazione, questa, che secondo i docenti finisce per ledere anche «il diritto allo studio degli allievi di ogni ordine e grado per la nuova distribuzione dei docenti che avviene puntualmente per ogni anno scolastico». L’incontro, finalizzato a mettere in luce la situazione ai vertici della Regione Campania, ha tra gli scopi anche quello di sollecitare un intervento del neoministro della pubblica istruzione, Lucia Azzolina.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close