ARCHIVIO 5POLITICA

Obiettivo Natale, sinergia tra Comune di Ischia e albergatori

ISCHIA. Obiettivo Natale. La missione sembra ormai condivisa. Destagionalizzare è possibile, a patto di farlo con intelligenza. Ecco che allora l’iniziativa del comune di Ischia di giocare con anticipo – seppur moderato – rispetto alle canoniche tabelle di marcia per promuovere gli eventi di Natale appare come una piacevole novità. Le manifestazioni si faranno, ormai è un dato di fatto. Negli ultimi tre anni l’amministrazione di Ischia ha investito ingenti somme per luminarie, addobbi ed eventi. I riscontri ci sono stati. E sono stati estremamente positivi. Hanno gradito gli isolani, per anni abituati a piazze spoglie e poco altro e all’improvviso catapultati in un mondo di luci e colori in grado di restituire appieno l’atmosfera natalizia.

Hanno gradito anche gli ospiti dell’isola, probabilmente l’unica ragione che ha spinto i nostri amministratori a mettere un po’ d’impegno e d’ingegno – i soldi non sembrano bastare mai, nemmeno quando ci sono – nell’organizzazione di una serie di eventi che hanno avuto ricadute positive su presenze turistiche e commercio. Lo testimoniano i numeri, come sempre imparziali e al di sopra delle parti. Negli ultimi tre anni il trend di presenze turistiche sull’isola nel periodo che va da Santo Stefano a Capodanno è in crescita costante. È un lasso temporale ancora estremamente ridotto, certo. Ma è comunque decisamente di più degli hotel chiusi e delle strade senza vita che c’erano prima.

«Quest’anno però la promozione la avviamo in anticipo. Nei prossimi giorni nasceranno iniziative sul web che, insieme ad alcuni spazi pubblicitari nella Città di Napoli, saranno di supporto a quanto si realizzerà sul nostro territorio» rilancia il sindaco di Ischia annunciando con una nota ufficiale il lancio imminente della campagna pubblicitaria. Natale a Ischia, insomma, comincia ad essere davvero un brand intorno al quale smuovere l’economia, quella agognata occasione di crescita e sviluppo inseguita dal crollo del mercato turistico di inizio millennio.

C’è chi non mancherà di sottolineare come una iniziativa del genere risulti quantomeno sospetta per le tempistiche. Sono anni che imprenditori e commercianti chiedono l’istituzionalizzazione del calendario di eventi natalizio e la sua divulgazione a fini pubblicitari nel silenzio, spesso assordante, delle istituzioni.  La vicinanza con le elezioni del prossimo maggio avrà avuto sicuramente un ruolo determinante nello smuovere Giosi Ferrandino e la sua sonnolenta maggioranza sul tema, ma almeno in questo caso il risultato conta più delle ragioni che lo hanno determinato. Benché organizzata in maniera raffazzonata, nonostante non sia ancorata ad un cartellone di eventi (che manca ancora, sic!) o almeno ad un paio di manifestazioni chiave, va riconosciuto alla maggioranza che fa capo a Giosi Ferrandino di aver quantomeno intrapreso, per una volta, il percorso più giusto per il bene collettivo.

La ridondanza del messaggio è uno dei segreti dietro una efficace campagna promozionale. Serve tempo, esperienza e competenza per affinare i meccanismi e renderli produttivi in termini di ritorno d’immagine, ma è indiscutibile che quella cui stiamo assistendo potrebbe rappresentare la prima, vera svolta per l’isola e la sua economia. Certo, se la promozione iniziasse a settembre anziché a metà novembre e magari con un cartellone di eventi già definito si raggiungerebbe l’optimum. Ma almeno il primo passo è stato compiuto. Ed è già qualcosa. ARCA.STE.

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button