Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

“Oh mio Dio”, in scena sabato 12 al Polifunzionale

ISCHIA – Sabato 12 novembre 2016, ore 21. 00 la compagnia CLAET di Ancona metterà in scena  presso il teatro Polifunzionale d’ Ischia Oh Dio mio! di Anat Gov con regia di Diego Ciarloni.

Anat Gov, scomparsa nel 2012 all’età di 59 anni, è una delle più acclamate drammaturghe israeliane. Oltre a “Oh Dio mio!“, andato in scena per la prima volta a Tel Aviv nel 2010, ha scritto numerose opere, tra cui “Il casalingo” e “Care amiche”. Stimata autrice di programmi televisivi e giornalista, si è battuta per anni per la parità dei diritti dei cittadini arabi d’Israele e per rapporti di pace con i paesi vicini. In “Oh Dio mio”, pièce venata di humour yiddish, incontriamo Ella, affermata psicanalista e madre single di una ragazzina autistica, che un giorno riceve la telefonata di un misterioso paziente bisognoso di aiuto, un paziente… molto speciale; Ella accetta di riceverlo nel suo studio e tra i due ha inizio un improbabile quanto insperato dialogo di cui, chiunque, in cuor proprio, vorrebbe essere protagonista. Il testo analizza il rapporto eterno tra Dio e l’Uomo sin dalla creazione del mondo, mettendo a confronto i relativi antitetici punti di vista: quello di Dio, deluso dalla sua “creatura”, corrotta dal peccato e dalla brama di potere e quello dell’Uomo, spaventato ed oppresso dalla Divinità minacciosa dell’Antico Testamento. Nella sua intenzione di avvicinare il Cielo alla Terra, l’autrice accompagna ciascuno dei suoi personaggi lungo un percorso di analisi e di ricerca, di se stesso e dell’altro, fino ad uno scambio di ruoli: umanizza Dio facendogli sperimentare fragilità e debolezze dell’animo umano ed eleva l’Uomo facendo di lui “il Salvatore”. Attraverso questo confronto-scontro terapeutico, fatto di dialoghi serrati e battute sagaci e folgoranti, si giunge al finale, un finale dal sapore divino!

 

Curriculum:

Il C.L.A.E.T. (Centro Lettura e Attività Espressive Teatrali) nasce nel 1987 da Andrea Pavani e Pierpaolo Renzi per costituire un gruppo teatrale amatoriale per i ragazzi del quartiere di Palombina Nuova. La scuola elementare diviene sede dell’associazione, punto d’incontro per i ragazzi diretti da 3 maestre, Gabriella Bottini, Emanuela Sebastianelli e Giuliana Paolini e Leandro Ragni. Il quartiere collabora alla preparazione dei costumi e delle scenografie. Il 13 aprile del 1988 il C.L.A.E.T. debutta al Teatro Sperimentale d’Ancona con il 1° spettacolo autoprodotto, “E se provassimo da soli?” Seguono altri spettacoli:“Storie dell’anno mille, anno più, anno meno” di L. Malerba e T. Guerra; “Ordini dall’alto” da “Dopo di me il diluvio” di D. Forrest; “Angeli custodi” da “Comici spaventati guerrieri” di S.Benni e “Non siamo qui per il caffè” da“I beati della dannazione” di H. Bazin. I giovani crescono e realizzano una parodie delle fiabe: “Cenerentola”, “Biancaneve e i sette nani”, “La bella addormentata nel bosco” ed “Il gatto con gli stivali”. Il gruppo cambia e nel ‘97 con il regista Luigi Moretti, il C.L.A.E.T. inscena il “Don Chisciotte”. Poi la regia va a Davide Giovagnetti che mette in scena “Pazzie per Broadway” di W.Allen “Pallottole su Broadway”. Nel ‘99 Davide scrive e dirige “Il circo di carta” che al festival “Le Muse” viene premiato per miglior regia e attrice caratterista: Ilaria Verdini. Nel 2000 Davide lascia il C.L.A.E.T e subentra Diego Ciarloni con “La cantatrice calva” di E. Ionesco e nel 2002 “Lo sappiamo solo noi” di J. Tardieu. L’anno dopo “Una volta qui era tutta campagna” di F. Fazio. Ilaria Verdini e Diego Ciarloni partecipano alla 7° edizione del concorso “Donne, volti e anime”. Lo spettacolo “Le bugie non sono reato” di Leoni e Continelli che ottiene molti consensi. Nel 2008 il C.L.A.E.T. torna con “Xanax” di Longoni con Davide Giovagnetti e di Patrizia Giacchetti del Teatrotre e di Roberta Belfiore e Daniele Brunelli. Seguono repliche che si aggiudicano riconoscimenti in rassegne nazionali e apprezzamenti di critica e pubblico. Nel 2010 “12 ovvero la  parola ai giurati” di Reginald Rose per la regia di Diego Ciarloni. Ora è la volta del capolavoro di Anat Gov “Oh Dio mio!”, con interpreti Diego Ciarloni, anche regista, Ilaria Verdini, Simona Paolella e Noemi Boncompagni: la sfida riparte da qui!

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex