ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Olmi a rischio, è allarme sull’isola per l’infestazione di galerucella luteola

Ischia. Olmi a rischio sull’isola di Ischia. È allarme, infatti, per l’infestazione di galerucella luteola, conosciuto meglio come coleottero dell’olmo che si sta diffondendo sempre più a macchia d’olio sul territorio isolano. L’allarme è sopraggiunto dopo diverse segnalazioni da parte di alcuni cittadini che avevano notato non solo la copiosa presenza di tali insetti in prossimità delle proprie abitazioni, ma anche una preoccupante ed improvvisa sfoliazione di vari alberi di olmo. Sfoliazione che sarebbe stata causata, come chiarito poi dall’agronomo ischitano Francesco Mattera, proprio dalla galerucella. L’infestazione, con ogni probabilità, sarebbe cominciata già questa primavera, periodo della deposizione delle larve del coleottero in questione che, una volta schiusesi, hanno cominciato a divorare le foglie degli olmi selvatici isolani su cui si erano annidate, portandoli lentamente ad essiccamento prematuro. Un essiccamento ben visibile, a quanto pare, e che ha destato immediatamente preoccupazione anche tra i non esperti in materia che non hanno potuto fare altro che constatare che negli olmi in prossimità delle loro abitazioni c’era qualcosa che non andasse.  L’allarme si è diffuso maggiormente nel Comune di Barano dal quale è partita, in queste ore, la macchina degli interventi per cercare di debellare l’infestazione o quanto meno di limitare i danni lì dove fosse ancora possibile. Di per sé, infatti, la galerucella luteola non è pericolosa per gli esseri umani, ma oltre a sussistere l’eventualità che gli sciami adulti del fastidioso coleottero invadano edifici ed abitazioni, gli olmi colpiti, se non presi in tempo, possono essere soggetti più facilmente ad altri tipi di infestazioni come quella degli scoliti o la grafiosi, decisamente molto più nocive non solo per la vegetazione di olmi campestri ma anche per l’ambiente circostante.

Per questo motivo, l’amministrazione di Barano, guidata dal sindaco Dionigi Gaudioso ha lanciato un appello a tutti i cittadini del proprio comune, chiedendo loro di segnalare le zone dove insistono alberi interessati dall’infestazione. Le segnalazioni, eventualmente corredata da foto, possono essere fatte a mezzo email scrivendo all’indirizzo segreteria@comunebarano.it.

Periodo nero, insomma, per la vegetazione isolana. La galerucella luteola, infatti, lo ricordiamo, non è l’unica infestazione che ha colpito le specie arboree di Ischia. Da mesi, infatti, lo ricordiamo, i pini stanno facendo i conti con la Toumeyella Parviconis, una cocciniglia particolarmente aggressiva mentre i castagneti sono stati colpiti dal cinipide galligeno, fastidiosa vespa, per il cui debellamento si era mosso il vicesindaco di Serrara-Fontana, Cesare Mattera, richiedendo un intervento fitosanitario da parte degli organi competenti della Regione Campania.

 

Alcuni suggerimenti tenere lontano la galerucella luteola dalle abitazioni

Ads

Tenere gli infissi chiusi, specialmente nelle ore serali, o protetti da zanzariere. Non tenere luci accese negli spazi esterni all’abitazione, o tenerne una o poche il più lontano dalla casa per ivi far concentrare gli insetti, e colpirli poi con getti mirati di comuni insetticidi spray ad uso domestico. Utile è anche la disposizione di pannelli gialli invischiati di colla topicida, su cui gli insetti restano attaccati. Coprire la biancheria stesa al sole con teli di plastica trasparente e rimuovere eventuali insetti che comunque vi si fossero incuneati, scuotendo energicamente i capi.

Ads

Sara Mattera

 

 

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex