CULTURA & SOCIETA'

“OMaggio a Procida” dei ragazzi dell’IC Capraro

La scuola cambia e non si ferma ed a fine anno gli allievi hanno presentato una serie di lavori con l’utilizzodi nuove modalità, realizzati con il contributo di insegnanti, studenti e genitori

Quasi inutile sottolinearecome per il complesso mondo della scuola italianal’anno scolastico 2019/2020, che si avvicina alla conclusione, ha rappresentato un periodo all’insegna di grandi stravolgimenti capitati, tra capo e collo e con mille difficoltà,dovutialla pandemia da coronavirus.Tutto modificato, dalla didattica diventata a distanza (DAD), all’utilizzo di tecnologie molto diverse dalla campanella che suona alle ore 8,00, delle lezioni non più alla lavagna con l’ausilio di gesso e cancellino, al rapporto con alunni e genitori così come tra gli stessi colleghi.

“In questo tempo “sospeso” – scrive in un post sulla pagina facebook della scuola la dirigente dell’I.C. “Capraro”, dott.ssa Rossella Salzano – abbiamo lavorato tantissimo con la “famigerata” Didattica a Distanza e, con passi da gigante, abbiamo cercato di trasmettere vicinanza e messaggi positivi ai nostri bambini e ragazzi, ma non abbiamo capito nulla! Sono proprio loro che ci hanno regalato una delle cose più preziose al mondo: le loro emozioni! E, a nome di tutti, voglio ringraziarli perché ogni giorno, con le loro discussioni e riflessioni ci restituiscono la speranza che tutto possa tornare come prima e quanto prima”.

Proprio in questi ultimi giorni, che per anni sono concisi con quelli di maggiore convivialità, condivisione e festa, sono stati presentati i lavori svolti dai ragazzi della “Capraro”, seppur con diverse modalità, attraverso progetti che hanno visto impegnati insegnanti, alunni e genitori,e dai quali apparein maniera predominante il rapporto stretto con il territorio e le sue immense bellezze. “La musica che unisce”, tratta dall’opera di Lorenzo de’ Medici, cultore di tutte le arti, tra i più importanti mecenati del Rinascimento e, non a caso detto Lorenzo il Magnifico; “OMaggio a Procida” in cui igiovani allievi presentano la bellezza con la riproduzione di un modellino della mitica Corricella, location di decine di pellicole cinematografiche e spot pubblicitari di grande successo; un video tour per le stradine di Procida, con guida d’eccezione i giovanissimi studenti; “Meraviglioso”, la nota canzone di Domenico Modugno, riproposta in una cover deiNegramaro, che diventa un vero e proprio inno musicale, di immagini e di colori dedicato ad un’isola che ha incantato e fatto innamorare uomini e donne di cultura e non solo.

«L’energia della bellezza – sottolinea la dirigente Rossella Salzano – ci deve rendere più forti e così come affermava Dostoevskij: “la bellezza salverà il mondo”».

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button