Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Operazione Gussone: mille alberi entro la fine del 2022

Il Comune d’Ischia partecipa alla festa dell’albero proponendo un’iniziativa a lungo termine

Il 21 novembre si è celebrata in Italia la Giornata Nazionale degli Alberidurante la quale, su iniziativa di Legambiente, si piantano alberi in tutta Italia. Il Comune d’Ischia celebra l’albero lanciando un’iniziativa a lungo termine: 1000 alberi piantati entro la fine del 2022. Parliamo dell’operazione Gussone il noto botanico di corte a cui dobbiamo, già dall’800, la presenza delle pinete a Ischia. «Come realtà territoriale, – ha dichiarato il Sindaco Enzo Ferrandino – abbiamo un tesoro rappresentato da pinete e boschi che rendono tipico il paesaggio.

Purtroppo, negli anni, il proliferarsi di alcune malattie ha finito per comprimere questa ricchezza che la natura ci ha riservato ed è giusto, quindi, che si fortifichi una coscienza civica per promuovere attività di preservazione. Purtroppo – ha continuato il primo cittadino – le patologie fitosanitarie hanno causato la morte di diversi pini secolari e per questo abbiamo intrapreso azioni di ripiantumazione di un numero cospicuo di alberi».Gli uffici preposti al verde pubblico si stanno occupando di redigere le linee guida dell’operazione Gussone e, attraverso l’investimento di fondi comunali e Metropolitani, saranno piantati 1000 alberi in due anni.«Siamo nell’anno dell’ambiente – ha dichiarato l’assessore Carolina Monti – e stiamo lavorando di concerto con le associazioni a cui sta a cuore questo tema per portare avanti tante iniziative in favore del verde». Una su tutte ha visto rimettere in sesto le pinete del territorio comunale dai ragazzi del Reddito d’Inclusione ottimamente coordinati da Lucia Oliva, ora più ordinate e vivibili.«Il verde – ha concluso il Sindaco Enzo Ferrandino – è uno dei punti all’ordine del giorno di questa amministrazione e altra iniziativa, intrapresa dall’inizio dell’anno 2019,è quella che vede piantato un albero per ogni nato. Ad oggi sono stati piantati circa 50 alberi su 90 nati».

La legge riprende l’obbligo di piantare un albero per ogni neonato, introdotto in Italia con la legge Cossiga-Andreotti n.113 del 29 gennaio 1992; una norma valida per i Comuni al di sopra dei 15mila abitanti e che, in passato, era già stata applicata sull’isola verde.«Speriamo che nel tempo si possano ripopolare le nostre aree verdi che, con orgoglio, da sempre abbiamo prospettato ai nostri visitatori e migliorare, così, il nostro contesto urbano».Intanto, come vi abbiamo raccontato nell’edizione di ieri del nostro giornale, nei giorni scorsi all’Antoniana, si è svolto un altro incontro organizzato dall’Associazione Gli alberi e noi per il mese degli alberi. Ospite è stato l’arboricoltore Pietro Maroé, autore de “La timidezza delle chiome“, libro che racconta la storia di un ragazzo di vent’anni di nome Pietro che vive sugli alberi.

Attraverso la sua storia, l’autore vuole dimostrare come oggi corriamo talmente tanto da un posto all’altro che non siamo più capaci di vedere quanto è bello e fragile il nostro pianeta.Il 7 dicembre, alle ore 17.30, alla Biblioteca Antoniana, sarà la volta di una conversazione con Stefano Sergio Dati, autore di “Voci tra gli alberi”. Per concludere il programma il 13 dicembre, alle ore 17.30, alla Biblioteca Antoniana, dove il filosofo Giuseppe D’Acunto parlerà su “Fratello Albero”.«Umanizziamo gli alberi per fare comunicazione ambientale – ha concluso Lilly Cacace – ma forse dovremmo diventare noi come loro e capire come mai sono sopravvissuti. Dovremmo prenderli ad esempio per capire come possiamo noi diventare più forti e resilienti».

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x