CRONACA

Opere pubbliche, ecco il primo piano stralcio di ricostruzione

Il commissario Schilardi ha emanato l’ordinanza relativa agli edifici e alle infrastrutture di interesse pubblico. Sei gli interventi a Casamicciola, quattro a Lacco Ameno, uno a Forio

Via libera al primo stralcio del piano delle opere pubbliche. Il commissario delegato alla ricostruzione post-sisma, Carlo Schilardi, ha emanato l’ordinanza n.14 con cui è stato approvato un elenco determinato (“stralciato”, appunto) di opere, o meglio il primo piano di ripristino degli edifici, delle infrastrutture e delle opere di interesse pubblico, che non sono oggetto di altre specifiche ordinanze.

Con il piano è approvato anche dal punto di vista finanziario economico il fondo per le spese di progettazione delle opere sulla base delle stime parametriche effettuate dagli enti attuatori quantificato in euro € 3.164.593,93 (a fronte di un piano complessivo opere pubbliche di primo stralcio stimato in € 28.893.152,50) a carico della contabilità speciale del commissario. Gli interventi contemplati sono sei sul territorio del Comune di Casamicciola, quattro a Lacco Ameno e uno a Forio.

CASAMICCIOLA. Per quanto riguarda Casamicciola, il primo riguarda il ripristino e la messa in sicurezza di Villa Bellavista, sede comunale oltre che museo, e del costone adiacente. Poi la rimozione delle macerie per l’edificio crollato in via Serrato, il ripristino e messa in sicurezza di via Gran Sentinella e via Iasolino volto alla riapertura dei tratti viari interessati per consentire l’accesso ai nuclei abitati e le opere di completamento ed integrazione delle opere di somma urgenza già eseguite. Il quarto intervento riguarda i lavori di adeguamento, ripristino e riqualificazione dell’ex Osservatorio Geodinamico, già sede del Museo Civico oggetto di scheda Aedes, oltre all’adeguamento sismico e manutenzione e messa in sicurezza della piazzola antistante. Altro intervento è la riqualificazione dell’ex Capricho, attuale sede provvisoria degli uffici comunali. Infine, sarà messo in sicurezza il Cimitero con relativo adeguamento sismico e manutenzione e messa in sicurezza muro di cinta Cimitero, versante su via vicinale Bagnitello.

LACCO E FORIO. Nel Comune di Forio l’unico intervento di questo primo piano stralcio comporterà la messa in sicurezza e il recupero del palazzo municipale, pur se si tratta di un’opera parzialmente coperta da un altro finanziamento pubblico. A Lacco Ameno si interverrà con il miglioramento/adeguamento sismico dell’edificio adibito a sede del comune di Lacco Ameno, della Chiesa e dell’area archeologica degli “scavi di santa Restituta”, poi col consolidamento, ripristino e manutenzione straordinaria della Torre costiera aragonese di Montevico danneggiata dal sisma del 21 agosto 2017. Sempre a Montevico si procederà col consolidamento, ripristino e manutenzione straordinaria alle strutture cimiteriali ed al limitrofo costone. Ancora sulla collina di Montevico verrà infine messo in sicurezza il sentiero naturalistico.

I soggetti attuatori, cioè i Comuni, provvederanno ai predisporre i progetti esecutivi entro 150 giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza. Il Commissario provvederà a esaminarli verificandone la congruità economica, per poi approvarli adottando il decreto di concessione del contributo. Poi i Comuni potranno appaltare le opere. Ai citati interventi si aggiungono altri due che però riguardano altri enti: uno, relativo ai lavori di ricostruzione del muro di contenimento posto a confine con la ex S.S. 270 (Isola verde) KM 25+700 a Casamicciola Terme, spetterà alla Città metropolitana. L’altro, relativo alla ricostruzione della camera di manovra adiacente il serbatoio idrico di Casamicciola, toccherà alla Regione.

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button