ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Panza dice “no” ai botti di capodanno per riparare il campanile della Chiesa

di Sara Mattera

Ci risiamo. A pochi giorni dal Capodanno 2016 è già cominciata la solita guerra ai fuochi d’artificio e continuano a spuntare, come funghi, gruppi sui social network e iniziative di vario genere al fine di sensibilizzare le amministrazioni e i cittadini a ridurre l’uso dei botti, considerati pericolosi per l’incolumità delle persone.  E in questo guazzabuglio di iniziative anti-fuochi di artificio, che vengono sparati alla prima buona occasione, non solo durante il periodo di Capodanno, ma anche  per eventi minori, c’è chi avanza proposte alternative anche qui sul territorio isolano. Protagonisti di una proposta per  l’investimento dei soldi impiegati per l’acquisto dei fuochi di artificio in beni o servizi  di maggiore importanza, sono stati,infatti, i cittadini del Comune di Forio ed in particolar modo, quelli del territorio panzese. Da diversi mesi, infatti, il campanile della Chiesa di San Leonardo  di Panza non funziona più e  la situazione è rimasta invariata a causa della mancanza dei fondi per poterlo aggiustare. Ecco perché, nelle scorse ore, un abitante del posto ha lanciato un appello a tal proposito su Facebook.“Non so voi- ha scritto il cittadino-ma a me fa tanto strano che il campanile della nostra chiesa sia fermo da diversi mesi. E’ come se mancasse qualcosa in questo paese. Quei rintocchi che ogni 15 minuti ti annunciavano l’ora sono parte della nostra quotidianità. Purtroppo per aggiustarlo ci vuole una bella cifra e perciò colgo l’occasione per chiedere aiuto a tutti voi panzesi, di fare una colletta e di donarla al nostro parroco. Capisco che dopo le feste il portafoglio pianga, ma basta solo una semplice offerta per vedere dove riusciamo ad arrivare”.

CONTINUA A LEGGERE SU IL GOLFO IN EDICOLA

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button