CRONACA

Parcheggio abbandonato, a Monterone cresce la protesta

A segnalare, ancora una volta, lo stato di abbandono del parcheggio foriano è il consigliere di minoranza Dino D’Abundo che indirizza parole furenti agli amministratori foriani

«Ogni appalto pubblico che viene messo in esecuzione da questa amministrazione diventa c…..a. Dopo due anni dall’inaugurazione del tetto del parcheggio di Monterone guardate in che condizioni si trova la struttura, vergogna! Sono solo dei venditori di chiacchiere. Rispetto zero!» L’accorato messaggio è stato divulgato sui social da Leonardo D’Abundo, consigliere comunale di minoranza di Forio. A corredare le parole piene di sdegno le immagini del parcheggio di Monterone invaso dalle erbacce, da rifiuti di ogni genere e dai primi segni di degrado della struttura creata poco tempo fa per rendere più comoda la vita dei residenti e che a distanza di appena qualche mese dalla presentazione in pompa magna, sembra essere già avvolta da un velo di abbandono davvero pervasivo.

Sporcizia, materassi abbandonati, scale fatiscenti e una foresta di vegetazione che rende difficile agli automobilisti districarsi tra fronde e foglie che entrano fin dentro l’abitacolo delle autovetture. Il parcheggio di Monterone, inaugurato appena un anno fa, è in condizioni tali da richiedere una veloce sistemata da parte degli operai in forze al Municipio di Forio.

A chiederlo erano già stati i cittadini del Rione Umberto I durante la scorsa estate che dopo aver ottenuto il parcheggio da 120 posti auto ora sono costretti a chiedere a gran voce che l’area venga ripulita.

Il senso di abbandono sembra pervadere gli ampi spazi finalmente realizzati in una delle aree più popolate di Forio, se non fosse per le numerose autovetture che popolano gli spazi adibiti a parcheggio si farebbe persino fatica a pensare che l’ampia area di sosta sia stata consegnata appena un anno fa alla comunità turrita. “I residenti di Monterone – tuonava qualche mese fa Dino D’Abundo, sono stanchi. Nonostante buona parte della popolazione della zona abbia premiato l’attuale amministrazione adesso i cittadini della zona vengono ripagati in questo modo, ignorando le esigenze di chi chiede manutenzione e tranquillità”.

MONTERONE: TERRA DI NESSUNO DOVE SPADRONEGGIANO I BABY-CENTAURI

Ma non c’è soltanto il parcheggio tra le preoccupazioni dei residenti di Monterone. Ogni giorno che passa, le persone che vivono nel quartiere, cuore pulsante dell’animo più popolare di Forio, lamentano uno stato di abbandono profondo. Tra i residenti cresce il malcontento per l’aumento di un fenomeno preoccupante, che se non fermato in tempo potrebbe comportare non pochi problemi. Nel rione è ormai prassi ascoltare il rombo dei motorini guidati da giovanissimi centauri che a ogni ora del giorno e della notte, anche nel pieno della canicola pomeridiana e o tarda sera, spezzano la quiete della zona, piena di persone che nelle ore più calde della giornata o in tarda serata vorrebbero poter riposare. Le rimostranze di chi esasperato tenta di fermare i motociclisti in erba vengono bloccate sul nascere da mandate a quel paese. Insomma, l’impressione è che nel rione viga un clima di crescente anarchia.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Il consigliere D’Abundino non perde occasione per sparare cavolate. La casa in cui abita (abitazione popolare nella sua disponibilità da diversi anni, non si comprende a che titolo) affaccia proprio sul parcheggio. Lui è sempre munito di videocamera, perché non riprende e denuncia gli zozzoni che sversano rifiuti ingombranti? Forse perché sono suoi elettori? Forse perché dovrebbe spiegare come mai occupa abusivamente una casa popolare, sottraendola a chi ne avrebbe realmente bisogno?
    Pagliaccio…

Rispondi

Back to top button
Close