ARCHIVIO 5POLITICA

Parpinel lascia Gente Comune, Nicolella: «Sei in consiglio per merito mio»

di Francesco Castaldi

FORIO – Il divorzio politico tra Nicola Nicolella e Grazia Parpinel, come riferito nell’edizione di ieri del nostro quotidiano, è stato ufficializzato dalla stessa consigliera, che all’inizio dei lavori del civico consesso svoltosi mercoledì sera ha presentato una breve nota, nella quale ha palesato la propria irremovibile volontà di uscire dal gruppo consiliare “Gente Comune”, la lista civica con la quale, nel maggio di tre anni fa, era riuscita ad entrare in seno al consiglio comunale di Forio nonostante uno striminzito consenso da parte della cittadinanza.

Il presidente Michele Regine ha dato lettura del documento, nel quale si legge, tra le altre cose, che «le motivazioni che si pongono alla base di detta scelta nascono dal non identificarsi più nella figura del capogruppo e nella sua leadership». Parole dure come macigni quelli della Parpinel, che decise di impegnarsi per il bene del paese al fianco di Nicola Nicolella, con il quale aveva stretto un sodalizio che sembrava non potesse mai sciogliersi. E invece, nello stupore generale, Grazia Parpinel ha deciso di tagliare i ponti con il suo ormai ex capogruppo e proseguire il proprio percorso da indipendente.

Non si è lasciata attendere la risposta dell’avvocato Nicolella (assente alla seduta della civica assise turrita ), che poche ore dopo la presentazione della nota ha inteso esporre il proprio punto di vista sulla vicenda che lo vede suo malgrado protagonista. «In merito al comunicato della consigliera Parpinel – esordisce Nicolella – il sottoscritto è lieto di apprendere delle dimissioni della consigliera comunale dal gruppo consiliare “Gente Comune”, in quanto testimonia che il sottoscritto si è sempre dimostrato persona democratica non avendo indotto la stessa, a differenza del sindaco Del Deo, alle dimissioni da consigliere comunale allorquando qualche consigliere non condivideva la sua linea politica».

Nicola Nicolella, con malcelata amarezza, ha poi duramente bacchettato la sua ex collega, rimproverandole il fatto di non aver sempre avuto un comportamento politicamente ortodosso. «Per quanto attiene le motivazioni, il sottoscritto rimane sbigottito in quanto non riesce a comprendere in cosa o chi si identifichi la Parpinel, visto che, a volte, ha dimostrato di non essere capace nemmeno di rispettare il suo ruolo istituzionale con uscite poco felici, che andavano addirittura al di là del pensiero della gente comune (vedi le osservazioni fatte nell’occasione della strage di Bruxelles)».

Annuncio

«Del resto la leadership del sottoscritto nell’ambito del movimento politico “Gente Comune” – evidenzia il consigliere Nicolella – ha permesso alla stessa di essere eletta nonostante il numero esiguo di voti (104 – eletta nonostante avesse riportato il minor numero di voti tra tutti i consiglieri eletti). Evidentemente le motivazioni sono altre e il sottoscritto crede che la consigliera comunale per l’ennesima volta, nel dettare le motivazioni riportate nel comunicato, scivoli nel ridicolo. In ogni caso – chiosa Nicolella – il sottoscritto, fiero di appartenere al movimento politico “Gente Comune”, augura alla consigliera comunale una splendida futura carriera politica».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close