POLITICA

Pascale il “benefattore” annuncia la delega a Dante De Luise

Il sindaco di Lacco Ameno non risparmia la solita stoccata al suo avversario e comunica che al giovane candidato de Il Faro toccherà occuparsi di politiche sociali. E spiega anche come…

Non soltanto sindaco, ma adesso anche benefattore. E fa niente se il disco suonato rimane sempre lo stesso, quello cioè di sparare a zero sull’avversario. Che poi tra l’altro, in questo caso, è anche lo sconfitto. Perché a Lacco Ameno succede anche questo: che chi ha vinto le elezioni spari a zero sul vinto e quest’ultimo replichi a muso duro. Insomma, a occhio e croce dovrebbe funzionare al contrario ma ormai visto quanto accaduto negli ultimi cinquanta giorni davvero non ci si meraviglia più di nulla. E così, affidandosi ancora una volta ai canali social che tanto predilige da quanto è finito sotto l’ala “protettrice” di matrice grillina, il primo cittadino torna a parlare e lo fa sempre in maniera provocatoria, trovando però anche il modo di fare un annuncio.

Il “Barone” esordisce così: “Purtroppo lo stiamo apprendendo in queste ore solamente. Spiace constatare che negli ultimi giorni, molti nostri concittadini stiano ricevendo lettere di licenziamento, anche da note aziende alberghiere. Non stiamo qui col lanternino a pontificare o a fare supposizioni in merito ai motivi: non abbiamo né voglia, né tempo soprattutto”. Dopo la stoccata riservata a De Siano, anche lo stesso non viene nominata, arriva l’annuncio alla popolazione: “Vi comunico, in assoluta anteprima, che fornirò la delega alle politiche sociali a Dante De Luise, ragazzo stimato, preparato e soprattutto molto sensibile sotto questo profilo. Ovviamente, a causa del dissesto, il Comune non ha la disponibilità economica (almeno nell’immediato) per assumere, ma stiamo studiando un modo per aiutare i nostri concittadini bisognosi. Ho appena finito di parlare con Dante e stiamo pensando di istituire un apposito registro comunale dove i cittadini possono volontariamente segnalare il proprio licenziamento. Dal canto nostro, cercheremo di sondare la richiesta di lavoro sull’isola e in provincia, sì da fare matching . Facendo, così, incontrare la domanda con l’offerta (ma non solo, ovviamente). Il libero mercato fatica a garantire un equilibrio che dia come risultato la piena occupazione e dunque la nostra amministrazione tenterà di intervenire, nell’ambito delle proprie competenze, spinta da un animo Keynesiano. Così, il nostro Dante Keynes de Luise sarà disponibile per incontrare i cittadini, con l’obiettivo di fornire il massimo sostegno”.

Dopo il riferimento profondo e filosofico, Giacomo Pascale cnclude così il suo intervento: “La nostra amministrazione avverte forte la necessità di tutelare il sociale, pertanto intendiamo affrontare in maniera risolutiva anche le problematiche del mondo del lavoro. Dunque, siamo pronti a fare la nostra parte con sensibilità umana e istituzionale: il momento storico ci impone che il pubblico può, e soprattutto deve, fare di piu’. Siamo fermamente convinti che la pace sociale si pratica e non si predica, e per questo non lasceremo nessuno indietro!”.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button