CRONACA

Pascale: «L’ospedale Rizzoli tiene alta la bandiera della “Buona Sanità”»

Dopo il salvataggio che i camici bianchi di Lacco Ameno hanno realizzato a favore di un bambino finito in arresto cardio-circolatorio, e raccontato a Il Golfo dalla madre, il sindaco di Lacco Ameno plaude all’eccellente lavoro dell’equipe

Dimentichiamo per un attimo del termine “malasanità”, così fortemente radicato nel nostro immaginario collettivo, una parola che evoca i peggiori incubi e che aleggia come una nera minaccia sulle strutture ospedaliere italiane. Cure sbagliate, disattenzioni fatali, altre volontarie, destinate ad avere vantaggi di lucro ai danni di pazienti che con le loro sfortune hanno popolato le cronache dei giornali. Uno stillicidio che si è poi andato a ripercuotere anche sul buon nome dell’intero apparato sanitario italiano, uno dei migliori del mondo secondo la classifica Bloomberg che la pone al quarto posto mondiale. Un’eccellenza di cui ci si dimentica fin troppo spesso, almeno fino a quando non capitano casi come quello capitato al Rizzoli dove grazie alla professionalità di medici, paramedici e infermieri è stato possibile salvare la vita a un piccolo sfortunato andato in arresto cardiaco e respiratorio, rianimato prontamente dalla bravura dei camici bianchi che prestano servizio presso il nosocomio di Lacco Ameno.

“Abbiamo la cattiva abitudine di enfatizzare sempre le cose negative che capitano sul nostro territorio, quasi in un atto di profondo masochismo – dichiara Giacomo Pascale, sindaco di Lacco Ameno e primo cittadino del territorio che ospita l’ospedale A.Rizzoli, dove ogni giorno vengono curate centinaia di persone, alcune anche in codice rosso. – Sono testimone diretto della professionalità e bravura del nostro ospedale. Il reparto di cardiologia dell’isola mi ha salvato la vita e non posso che esserne grato. Ma al di là della mia esperienza personale ci sono tantissime storie d’eccellenza rese possibili dalla professionalità dei nostri medici. Professionalità garantita nonostante il personale ridotto. Ma sono casi isolati. La buona notizia è che la “buona sanità” esiste ed è fortunatamente la regola. Non mancano però i problemi che vanno eliminati o quanto meno arginati con forza. Il sindaco Pascale ricorda quanto buona parte degli sforzi che sta spendendo assieme agli altri amministratori dell’isola siano orientati all’ottenimento per Ischia dello status di zona disagiata che potrebbe migliorare sensibilmente la situazione della sanità ischitana, impedendo di trovarsi, periodicamente, a dover fronteggiare lo spauracchio del taglio di servizi che più volte, nel corso degli ultimi anni si è tramutata in una concreta minaccia che solo le proteste della cittadinanza e il lavoro degli amministratori si è riusciti a scongiurare.

Il primo cittadino di Lacco Ameno ricorda inoltre il lavoro che il senatore Domenico De Siano da Roma e l’onorevole Giosi Ferrandino da Bruxelles, stanno svolgendo per avere dal governatore De Luca i riconoscimenti che spettano all’isola per fornire non solo ai residenti, ma anche ai tanti turisti che a centinaia di migliaia frequentano l’isola, un servizio efficiente e sempre pronto a fronteggiare ogni tipo di emergenza.

L’AZIONE DELLA SANITA’ ISCHITANA DURANTE IL TERREMOTO

Non si dimentichi – ha ricordato Giacomo Pascale – dell’azione puntuale ed eccellente che le donne e gli uomini che lavorano presso l’ospedale Rizzoli hanno garantito durante le trafelate ore del sisma, riuscendo a fronteggiare l’emergenza con grande professionalità. Anche Borrelli, capo della Protezione Civile – ha ricordato Pascale – non ha mancato di ricordare la grande professionalità che ha trovato presso il nosocomio di Lacco Ameno quando lui stesso ha subito un malore, prontamente fronteggiato dai camici bianchi del comune del Fungo. I problemi non mancano, sottolinea Pascale, ma l’ospedale che ci onoriamo di ospitare sul nostro territorio svolge in maniera eccezionale il proprio lavoro.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close