CRONACAPRIMO PIANO

Paura a bordo della “Don Peppino”: raggiunge Ischia pericolosamente inclinata

Il traghetto della Gestur partito da Pozzuoli ha raggiunto il porto di Ischia con evidenti problemi di bilanciamento. Riportata a Pozzuoli l’accertamento tecnico del Rina che ha confermato la classe dell’unità consentendo così che la stessa potesse continuare a svolgere il servizio di linea.

Appena superato il faro che accoglie le imbarcazioni provenienti dalla terraferma ha attratto subito l’attenzione e soprattutto l’apprensione di chi si trovava sul porto. Il traghetto della Gestur partito da Pozzuoli alle 10.40, carico di turisti e veicoli provenienti dalla terraferma, ha fatto il suo ingresso nel porto di Ischia in palese sofferenza. L?imbarcazione è arrivata nelle acque di Ischia con una notevole inclinazione sul fianco. Un problema di bilanciamento impressionante.  Un arrivo decisamente traumatico per le centinaia di persone che hanno deciso di passare qualche giorno di relax a Ischia, approfittando di uno dei punti più lunghi della storia e un esordio di vacanza decisamente rocambolesco e anche piuttosto scenico. La scena sembra evocare una delle tante immagini a cui i telegiornali ci stanno abituando da tempo, con gli enormi barconi del mare carichi di uomini e speranze che tentano la traversata del Mediterraneo tra mille rischi e molte incertezze, su imbarcazioni di fortuna, che potrebbero affondare da un momento all’altro. Dispiace dirlo, ma la strana inclinazione del “Don Peppino” , traghetto che garantisce un ponte tra Ischia, Procida e Pozzuoli non è stata un buon biglietto di benvenuto per i turisti, sbarcati sulla banchina Olimpica con la sola voglia di toccare terra.

A seguire con attenzione e professionalità le operazioni di sbarco sono subito intervenuti gli uomini della Gurdia Costiera di Ischia capitanati dal tenente di vascello Andrea Meloni, comandante del circomare di Ischia.  Dopo aver effettuato i controlli preliminari al fine di verificare il numero di passeggeri e di autoveicoli, la Guardia Costiera ha richiesto che l’unità venisse sottoposta ad un accertamento tecnico da parte del Rina (Registro Italiano Navale), che ha confermato la classe dell’unità consentendo così che la stessa potesse continuare a svolgere il servizio di linea. A parte la strana inclinazione che non è stato rilevato alcun problema che potesse inficiare il servizio svolto dalla Gestur che potrà riprendere a fornire il fondamentale ponte tra la terraferma e le isole di Ischia e Procida già in questa giornata di festività pasquale. Quale sia stata la fonte di questo problema di bilanciamento non è ancora chiaro, i controlli di rito daranno presto un responso che svelerà l’arcano che ha trasformato il Don Peppino come una piccola torre di Pisa galleggiante.

Tante le lamentele e anche notevole la paura per i circa 400 passeggeri a bordo che sono stati prontamente rassicurati dal personale di borsa e dagli uomini della Capitaneria di Porto di Ischia. Da escludere la possibilità che l’inclinazione sia stata causata dalla presenza eccessiva di persone a bordo del mezzo: l’imbarcazione può ospitare un massimo di 600 persone e a bordo ne sono state contate almeno 200 in meno rispetto al tetto massimo consentito.  Ad eccezione dei ritardi connessi all’evento suddetto, l’afflusso di passeggeri e turisti si è svolto in sicurezza e senza particolari criticità ed ha visto l’arrivo in tutti e tre i porti dell’isola di oltre 35 mila passeggeri e 4 mila autoveicoli nelle giornate da giovedì 18 a sabato 20 aprile.

In risposta al rilevante flusso di turisti per le festività di Pasqua, la Guardia Costiera di Ischia, secondo le disposizioni pervenute dalla Direzione Marittima di Napoli, ha intensificato in queste ore il presidio dei porti dell’isola al fine di assicurare un corretto flusso sia dei collegamenti marittimi che della connessa viabilità portuale. I controlli sono stati garantiti durante tutte le fasce orarie, con maggiori rinforzi di personale nelle ore di maggior afflusso, ed hanno visto la Guardia Costiera impegnata congiuntamente con il Comando Polizia Municipale di Ischia ed il personale addetto alla viabilità individuato dalle Compagnie di Navigazione.Durante l’attività di vigilanza sono state effettuate verifiche sul numero di passeggeri trasportati e sul rispetto delle norme connesse al trasporto marittimo di linea.

Annuncio
Tags

Articoli Correlati

Un commento

  1. Salve io ieri ero a bordo purttoppo, intanto non siamo partiti alle 10.40 ma la partenza era prevista per le 11.30
    Secondo poi dai miei biglietti ho un progressivo 552 53 54 ditemi se per errore quel numero progressivo non indica il numero di biglietti emessi o è solo un numero che indica qualcos altro.
    Conclusioni non è vero che siamo partiti 10.40 e forse però forse prche non posso averne la certezza non eravamo esattamente 400

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close