CRONACA

Paura ad Ischia, bambino investito sul marciapiedi

E’ accaduto ieri mattina nella centralissima via Michele Mazzella: il piccolo, di dieci anni, è stato condotto al Rizzoli ed ha riportato la frattura di una gamba

Un incidente stradale che stavolta non merita soltanto di essere raccontato, ma che dovrebbe costituire motivo di profonda riflessione. Perché manifesta una volta di più non soltanto quanto siano poco sicure le strade isolane e soprattutto quanto sia troppo spesso imprudente o distratto chi le percorre con autoveicoli o mezzi a due ruote, ma soprattutto che ormai non si può stare tranquilli senza rischiare di farsi male non se una strada la si attraversa ma anche se si sta tranquillamente su un marciapiedi. Quanto successo ieri, ad essere sinceri, è però davvero la punta dell’iceberg, soprattutto se la dinamica come pare – per quanto possa apparire surreale – dovesse essere confermata.

Il sinistro in questione si è verificato nella centralissima via Michele Mazzella, a Ischia. La vittima è un bambino di 10 anni che è stato colpito da una vettura, udite udite, mentre si trovava sul marciapiedi. L’impatto è stato inevitabile anche se sulla dinamica esistono ancora dei dubbi. Pare che il conducente della macchina sia finito in parte sul marciapiede per evitare un veicolo che proveniva dalla corsia opposta. Ovviamente immediati sono scattati i soccorsi e non sono mancati anche i momenti di apprensione per le sorti del bambino: sul posto sono giunti i sanitari del 118 che dopo aver provveduto a prestare le prime cure hanno trasferito in ambulanza il paziente all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. Qui sono stati effettuati tutti gli accertamenti del caso, una frattura alla gamba è il bilancio certo tutt’altro che lieve ma non si può rimarcare come la vicenda poteva avere un epilogo ben peggiore. Insomma, che la sicurezza stradale dalle nostre parti sia un optional non è certo una novità, ma che non si potesse stare tranquilli nemmeno su un marciapiedi… beh significa davvero aver toccato il fondo.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close