ARCHIVIO 4

(Piccole) isole nella corrente, torna la Scuola di Scienza e società

dalla redazione

Ischia –  Torna la scuola di scienza e società con una tre giorni che vedrà sul palco del Polifuzionale esperti, studiosi e docenti universitari che parleranno dell’evoluzione naturale, culturale e sociale nel Mediterraneo. Il Convegno, rivolto agli studenti delle classi IV e V che hanno inserito tale attività nella programmazione annuale vedrà anche delle attività laboratoriali.  Si inizia mercoledì 21 alle Ore 14.30 con i professori Pietro Greco, Agostino Mazzella e Saveria Volta che apriranno i lavori del convegno. A seguire la professoressa Lucia Civetta, dell’Università Federico II di Napoli ed Elena Gasparini parleranno de “L’isola di Paolo Gasparini”. Alle 16:00 il professore Ugo Leone, dell’ Università Federico II di  Napoli introdurrà il discorso sulle isole definite piccole, ma non minori. Subito dopo la dott.ssa Maria Cristina Buia, della Stazione Zoologica Anton Dohrn  parlerà di “Ischia: contabilizzare il suo patrimonio sommerso per comunicare con la comunità locale”. Chiuderanno il primo pomeriggio di lavori i professori Michela Angiolillo e Marco Pisapia dell’ ISPRA di Roma con “Il Mediterraneo nascosto”.  Ad aprire il dibattito, alle ore 9:00 di giovedì 22 febbraio,  la dott.ssa Maria Cristina Gambi  con “Citizen Science: la scienza partecipata dai cittadini come opportunità di conoscenza per piccole isole e parchi marini”. A seguire il professore Agostino Mazzella introdurrà ai ragazzi il tema della adioattività sull’isola d’Ischia. Alle ore 11.00 Elena Cubellis dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia parlerà di Cataloghi e parametri dei terremoti storici nell’isola d’Ischia. Sempre della sismicità dell’isola, con un focus in particolare sull’ultimo episodio che ha sconvolto l’isola, quello del 21 agosto, ne parlerà il professore Giuseppe Luongo, dell’ Università Federico II, Napoli.  Venerdì 23, alle ore  9.00 sempre al teatro Polifunzionale Rosario De Laurentiis del Circolo Sadoul discuterà del perché Ischia, piccola isola, gode di una fama millenaria. A seguire, a partire dalle ore 10:00, l’intervento del professore Valerio Calzolaio dell’ Università di Macerata dal titolo “Isole e carceri: l’isolamento insulare per allontanamento coatto, vendetta sociale, custodia di imputati o debitori, lavoro forzato, pena carceraria e confino, nel passato e/o nel presente, nel Mediterraneo. Gli ultimi due interventi della mattinata avranno come relatori, alle ore 11:00, il professore Domenico Fulgione dell’Università Federico II di Napoli che parlerà della  gestione dei parchi nazionali e delle aree protette e il professore Edoardo Federico, sempre dell’ Università Federico II con un intervento incentrato su “Isola delle capre e di pirati, aemula Romae, “buona a nulla”: la parabola di Capri antica fra Italici, Greci e Romani. L’appuntamento si rinnova poi nel pomeriggio alle 15.00 dove protagonisti saranno gli studenti del Liceo Statale di Ischia con un loro lavoro incentrato su Ischia, Ischia, una fragile bellezza. Sabato 24 febbraio ultimo giorno di lavori con inizio alle 9:00 e un intervento affidato al professore Lorenzo Ciccarese dell’ISPRA di Roma che parlerò della biodiversità delle (piccole) isole, a seguire la relazione di Francesca Buoninconti, Free lance, Napoli che parlerà di “Piccole isole e uccelli migratori: un viaggio lungo una vita”.  I lavori saranno poi affidati alla professoressa  Mariacristina Cocca del CNR di Napoli che parlerà di “Inquinamento marino: fonti antropiche e naturali” seguirà l’intervento del professore Francesco Rispoli dell’ Università Federico II che parlerà del patrimonio a venire. Chiuderà la mattinata e i lavori l’intervento della professoressa  Rossana Valenti dal titolo “Nullum exilium intra mundum. Da isole a prigioni e ritorno”.

 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button