CRONACA

Pilastri, ore 18: solito inferno di traffico nel cuore di Ischia

Puntuale come ogni giorno, l’incolonnamento delle auto nella zona che collega con Barano diventa un problema sempre più opprimente

A Ischia hanno fatto capolino le luci di Natale e il tempo per ammirarle c’è tutto. “Partite un’ora di anticipo se dovete andare da qualche parte, almeno un’ora la perderete in prossimità dell’antico acquedotto! Dieci minuti per effettuare il tragitto da Sant’Antuono ai Pilastri. La colpa? La colpa è delle auto dei turisti! – Commenta sarcastico Emanuele Vuoso, uno dei tanti automobilisti bloccati nel puntuale traffico del tardo pomeriggio. E il problema non è certo destinato a diminuire nei prossimi frenetici giorni. L’avvicinarsi al Natale convince anche i più restii a muoversi a muoversi in cerca del regalo perfetto per amici, parenti e altre persone care, aumentando il numero delle autovetture in circolazione.

Il traffico delle 18.00 ai Pilastri è congestionato in maniera esasperante. Le auto si muovono a passo d’uomo. L’imbottigliamento sotto l’arco principale del Pilastri è inevitabile. Il congestionamento cui sono costretti gli automobilisti che si immettono quotidianamente nelle strade isolane è quotidiano e il periodo natalizio non aiuta affatto a decongestionare il traffico. Traffico talmente esasperante che quando non c’è sembra calare nelle arterie isolane un’atmosfera surreale.

Soluzioni? Quelli di cui si parla da sempre: servizio di trasporti pubblici efficienti e magari targhe alterne che possano obbligare i possessori delle auto dell’isola fermare un po’ le autovetture. Certo questa non sarebbe la soluzione definitiva. Agevolerebbe quelle famiglie che hanno in garage più di un auto e andrebbe a complicare la vita soprattutto per quelle famiglie che invece di auto ne hanno una sola.

Se n’è parlato numerose volte: il primo problema dell’isola d’Ischia è proprio il traffico impazzito ed è una situazione maltollerata dai turisti che dall’isola si aspettano un luogo placido e tranquillo, non certo una succursale di una concessionaria e o una propaggine di una metropoli.

I cittadini si appellano alle amministrazioni, ma è proprio dalle abitudini di chi usa l’auto in ogni occasione che dovrebbe partire un cambio radicale di abitudini.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Il cuore di Ischia batte troppo velocemente che presto scoppierà. A raccontarlo non ci si crede, le foto mostrano la verità. I pilastri invasa dalle auto, manco fosse via roma. Tanto tempo fa tutto questo non esisteva. Si è vero ogni famiglia non si limita ad una sola auto ma non è questo il problema del traffico ai pilastri. Il vero problema è perchè hanno aperto la strada che viene da fiaiano che scendendo arrivano ai pilastri restando bloccate al piccolo incrocio. La soluzione? Aspettare che venga l’estate. In estate c’è meno traffico, potrà sembrare strano ma è così. Altrimenti aspettiamo l’intervento dei vigili. Aspetta e spera. Vabbè, ogni tanto una pattuglia arriva, risolve in pochi secondi il caso e poi va via. Dopo un po ritorna tutto come prima.

Rispondi

Back to top button
Close