Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Piovono permessi a costruire dal Comune di Ischia

DI GAETANO FERRANDINO

ISCHIA – A questo punto cominciamo a crederci anche noi. La macchina del palazzo municipale di via Iasolino, ferma ai box dalla mancata elezione al Parlamento Europeo del sindaco Giosi Ferrandino, si è improvvisamente e repentinamente rimessa in moto. Assunzioni con la pala, concorsi a destra ed a manca, oltre a quello che dovrà ancora succedere. E, naturalmente, più comprensione e disponibilità con tutti: in fondo siamo in campagna elettorale, bisogna raccattare voti e recuperare il terreno perduto con ogni mezzo. E così in municipio cominciano a fioccare i permessi a costruire: nulla di strano, per carità, certo è che vederne sfornare sette in una sola giornata dà l’idea di una ritrovata efficienza degli ingranaggi comunali, che parevano arrugginiti a dir poco.

Ovviamente è nutrito e variegato l’elenco dei beneficiati, così come dei tecnici che hanno curato le pratiche per i propri assistiti. Guardare l’elenco con attenzione e poi che ognuno ne ricavi l’idea che ritiene più opportuna. Il primo permesso di costruire in sanatoria è stato rilasciato a Paolino Cioffi per opere abusive relative ad un appartamento al primo piano dell’immobile sito in Ischia alla via Vecchia Cartaromana, con la relazione tecnica descrittiva curata dal geometra Antonio Starace. Nel secondo caso si resta praticamente nello stesso immobile di via Nuova Cartaromana, semplicemente si passa dal primo piano al piano terra, stavolta il permesso è stato rilasciato a Monica Gargiulo e Pasquale Cioffi, anche in questo caso con tanto di relazione tecnica consegnata da Starace. Il terzo caso riguarda invece la richiesta formulata dalla signora Maria Maddalena Monti per la concessione edilizia in sanatoria richiesta per opere abusive relative “a un appartamento al secondo piano di un fabbricato di maggiori consistenze, destinato a civile abitazione sito in Ischia alla via Michele Mazzella n. 38”: in questo caso il grafico e la relazione tecnica descrittiva portano la firma del geom. Luca Commitante, che non vorremmo sbagliare è impiegato presso lo studio dell’assessore Paolo Ferrandino. Ma ovviamente, guai a parlare di conflitto di interessi, per carità…

Proseguendo si arriva al permesso di costruire rilasciato a Nadia Zabatta per “la sostituzione di una copertura e risanamento igienico-sanitario di un monolocale” sito in via delle Ginestre. Nel caso di specie si riferisce di una relazione tecnica allegata ma che rimane misteriosamente “aprocrifa”. Il responsabile dello Sportello Unico per l’Edilizia ing. Franco Fermo ha poi autografato il permesso a costruire anche in favore di Antonietta Mancusi per un immobile ubicato in Cartaromana, opera da eseguire “il frazionamento con opere dell’intera unità abitativa (piano terra e piano seminterrato) in due unità”. Sempre Cartaromana è anche l’epicentro del nulla osta concesso a Rosaria Ioime e Mario Ioime, entrambi residenti a Napoli, che hanno ottenuto la sanatoria delle opere relative a “unità immobiliare destinata ad uso abitativo con garage pertinenziale”. Anche in questo caso grafico e relazione tecnica portano la firma del geometra Antonio Starace. L’ultimo permesso rilasciato in ordine di tempo è quello concesso a Christa Hofmann, Francesca Taglialatela, Gabriella Taglialatela e Gioacchino Taglialatela per le opere abusive relative ad un immobile ad uso residenziale sito in Ischia alla via Quercia. Stavolta il tecnico che ha seguito la pratica è l’ingegner Massimo Sbriglia.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x