ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5

Più nero che… blanco: ma la movida è reale o virtuale?

Come al St.Trop’ di Lloret de Mar, locale della movida spagnola, a 70 km da Barcellona, anche ad Ischia ( Casamicciola) all’esterno della discoteca Blanco, punto di riferimento della movida ischitana, la violenza tra giovani l’ha fatta da padrona. A Lloret de Mar i responsabili della violenza sono stati tre ceceni, che vivono in Francia da rifugiati politici ( arrestati ma due subito scarcerati) e, nel caso spagnolo, ci ha rimesso la vita Niccolo’, giovane italiano di 22 anni. A Casamicciola, invece, il 6 agosto, fuori del Blanco, due giovani criminali, successivamente arrestati (detentori di armi varie e varie dosi di stupefacenti) avevano accoltellato gravemente altri due giovani napoletani. Il Blanco è stato chiuso dai Carabinieri e il titolare denunciato perché aveva consentito l’ingresso ad un numero di clienti superiore al consentito. E’ ovvio che non c’è collegamento diretto tra l’accoltellamento all’esterno del locale e il superaffollamento del locale stesso. Però è altrettanto chiaro che ciò significa che non ci sono i giusti controlli all’interno di questi locali. E’ successo, in Spagna, dove indisturbati i ceceni

hanno infierito, nella pista da ballo, su un giovane inerme ed innocente: Che fine avevano fatto i buttafuori? E perché a Casamicciola non vengono controllati i numeri di ingresso? In Spagna è successo di peggio: a cerchio, sulla pista da ballo, gli altri giovani presenti hanno assistito impassibili al pestaggio, molti filmando con i telefonini. Ormai, confondiamo realtà e fiction, pensiamo di essere spettatori di uno spettacolo continuo della vita, come se anche le conseguenze più gravi delle nostre azioni fossero spezzoni innocui di un lungometraggio. E non è un caso che anche nel grave fatto di Casamicciola, i Carabinieri siano venuti a capo dei responsabili dell’agguato, non per testimonianze dirette di altri giovani presenti all’esterno del Blanco, ma per le immagini delle telecamere del Blanco stesso e di altre strutture vicine. E’ la conferma che il film continua (anche con le telecamere). I giovani si sentono tutti attori protagonisti o comprimari, freddi, asettici, professionali, mai coinvolti sentimentalmente. Quei pochi che si limitano ( come genitori e nonni col senso di responsabilità) ad assistere impotenti, a sperare che non accada nulla di tragico, temono il reale ed esorcizzano il virtuale. “ Movida” è un termine spagnolo, risalente agli anni 60-90 e viene dal verbo “ mover” (muovere, movimentare). Ma il “movimento”  implica la consapevolezza di un “prima” e di un “dopo”, di un passato e di un futuro. Bisogna sapere da dove si viene (la storia del proprio paese, della propria famiglia, del proprio vissuto) e tracciare un futuro, un orizzonte di senso. Movida non può essere solo eterno “presente” da sballo, senza né ieri né domani, come pare purtroppo che sia per molti giovani oggi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close