CRONACA

Pnrr, cultura della transizione ecologica: primo bando Invitalia da 3,4 milioni di euro

Aumentare la consapevolezza sui temi e sulle sfide della transizione ecologica e’ fondamentale per raggiungere gli obiettivi che l’Italia si e’ posta in materia ambientale

Fra gli obiettivi ambientali del Pnrr c’e’ una forte azione di sensibilizzazione per diffondere la cultura della transizione ecologica. Il Piano prevede a tal fine uno stanziamento complessivo di 30 milioni da spendere in 4 anni. Lo spiega il Mite in una nota. Per avviare il percorso è stato pubblicato sul portale di Invitalia, che opera per conto del Ministero della Transizione Ecologica (MITE), un bando del valore di 3 milioni e 430 mila euro per l’acquisizione di servizi per la progettazione e realizzazione di contenuti per la comunicazione, finalizzati a diffondere cultura e consapevolezza su temi e sfide ambientali e a incentivare l’adozione di comportamenti individuali virtuosi e sostenibili.

Aumentare la consapevolezza sui temi e sulle sfide della transizione ecologica e’ fondamentale per raggiungere gli obiettivi che l’Italia si e’ posta in materia ambientale, come la decarbonizzazione, la salvaguardia della biodiversita’ e la sostenibilita’ delle attivita’ civili e produttive. La campagna di comunicazione e i contenuti creativi saranno finanziati con una parte delle risorse dell’Investimento 3.3 (M2C1), che stanzia 30 milioni di euro complessivi, del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Attraverso questa campagna di informazione e sensibilizzazione, si vogliono raggiungere tre obiettivi: accrescere la consapevolezza sul cambiamento climatico e sulle strategie che si possono adottare per mitigarne l’impatto; educare le persone (a partire dai piu’ giovani che sono maggiormente attenti alla tematica) e le comunita’ a stili di vita e a consumi piu’ sostenibili; promuovere e stimolare costantemente la cittadinanza all’adozione di comportamenti virtuosi, anche a livello di comunita’, coinvolgendo ad esempio insegnanti, famiglie, amministratori locali. Il progetto si sviluppa su un arco temporale che va da giugno 2022 a giugno 2026. I contenuti saranno raccolti in una piattaforma online aperta e accessibile a tutti, con l’obiettivo di ospitare l’archivio piu’ completo di materiale educativo e ricreativo sulle tematiche ambientali.

Le prestazioni richieste nel bando spaziano dalla elaborazione della strategia comunicativa e di quella social fino ad arrivare alla creazione – per esempio – di podcast, video lezioni, video tutorial e spot video e radio, senza trascurare l’ideazione dell’identita’ visiva dell’intero progetto. La documentazione di gara contiene le informazioni necessarie a partecipare e indica le condizioni, i termini e le modalità di erogazione dei servizi da fornire.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex