CULTURA & SOCIETA'

«Porterò tutti nel cuore con grande gioia», l’arrivederci di Padre Mario Lauro

Ieri, dopo nove anni, l’annuncio ufficiale durante la messa presieduta dal Vescovo, al suo posto a settembre Padre Maurizio Del Gaudio

Ultima estate al Convento dei Frati Minori intitolato a Sant’Antonio per Padre Mario Lauro. Ieri sera durante la messa delle 20:00 celebrata dal Vescovo Mons. Lagnese l’annuncio ufficiale: Portici la nuova destinazione. Al suo posto Padre Maurizio Del Giudice.

Il cambio agli inizi di settembre, con l’arrivo anche di Padre Gaetano Franzese, resterà a Ischia, invece, Padre Nunzio. «È una destinazione nuova, ma conosco già il convento, fondato da San Giovan Giuseppe della Croce, quindi possiamo dir che in un certo modo mantengo il legame con la mia terra e con il Santo Patrono». E’sereno Padre Mario che qui a Ischia, sua terra natale, ci ha trascorso ben nove anni. Da settembre sarà parroco del Santuario di San Pasquale a Portici. «Ci manco da quando restituimmo, proprio in quel convento, il corpo di San Giovan Giuseppe della Croce. C’è un bel culto lì a San Pasquale, un po’ come in tutti i nostri conventi alcantarini, è Santuario Diocesano, elevato al titolo dal Cardinale Sepe». Uno spostamento ordinario, il suo, un cambio che dovrebbe avvenire, di norma, ogni 3 anni.

«Io ho triplicato – commenta –  ed era giusto che cambiassi. Qui verranno altri frati, frati volenterosi che porteranno una ventata di novità. Come ogni cambiamento, all’inizio sarà traumatico, poi come sempre, arriva qualcosa di positivo. E’ giusto poter fare cose nuove, io sarò parroco e avrò una responsabilità delicata che mi fa piacere vivere, mi arricchirà e farà crescere tanto». Nove anni fa l’arrivo di Padre Mario Lauro qui a Ischia, vicino a quella spiaggia dei Pescatori che lo ha visto crescere, «sono tornato alla mia gioventù a quelle belle tradizioni di una volta, mi porto questo nel cuore con un grande senso di gratitudine verso tutti. Ho ricevuto tanto e non posso che dire grazie a tutti, per sempre lo ricorderò».

Con il suo arrivo la Festa di Sant’Antonio del 13 giugno si è ampliata accompagnandosi alla sagra del mare che ha riqualificato la zona della Mandra, stessa cosa per la Festa di San Francesco con l’ideazione di un festival canoro e, ancora, le festività natalizie con tanti appuntamenti, tra sacro e profano, come i concerti sotto la grotta. «Ricorderò tutte le belle feste, i Natali che da francescani festeggiamo solennemente, e non ultimo l’arrivo delle reliquie di Sant’Antonio e i 5 giorni di grazia che la gente ancora ricorda bene. Mi fa piacere averli vissuti qui a Ischia, è stato qualcosa che ha incrementato la devozione al Santo».E ancora, l’apertura della chiesa di Sant’Antonio, chiusa per quattro di questi nove anni, avvenuta a marzo del 2017 con grande, grandissima emozione e tante novità.

Un altare in legno, un ambone a forma di barca e un organo che è tornato a suonare, accompagnato spesso dalla voce dello stesso Padre Mario. «Due sabati fa è stato celebrato il primo matrimonio dopo vent’anni. E’ stato emozionante, un evento partecipato con grande gioia ed emozione. Vedere gli sposi in chiesa ha suscitato la curiosità di tanta gente della spiaggia dei Pescatori accorsa a vedere quell’evento reso possibile grazie al Vescovo». Tra i ricordi che si porterà nel cuore, anche l’esperienza da cappellano all’Ospedale Rizzoli, «di questi 9 anni ricorderò il periodo delle feste che mi ha permesso di organizzarmi con un comitato della zona. Abbiamo trascorso insieme tutti i13 martedì prima della festa del Santo, momenti belli anche se un po’ difficili, una macchina di lavoro non facile anche a livello economico che però ha riscontrato tanta generosità da parte della gente. Le famiglie che mi ricordavano da bambino, – ha concluso Padre Mario, –  mi hanno ritrovato in un’altra veste ma sempre tanto è stato il rispetto verso la figura del frate. Avrò una piccola nostalgia, ma tornerò sempre. Porterò tutti nel cuore con grande gioia».

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close