ARCHIVIO 3

Porto di Forio, ecco le osservazioni di Savio

Il sottoscritto Domenico Savio premesso

– che il Porto di Forio, da destinare alle attività pescherecce, commerciali e turistiche, a partire dagli anni ’60 del secolo scorso è stato realizzato coi soldi della collettività per oltre 10 milioni di euro per promuovere lo sviluppo strutturale, economico, civile e sociale del paese;

– che la gestione privata del Porto sino al 2010 e quella successiva affidata alla società Marina del Raggio Verde S.r.l. e per essa al socio privato della stessa società Marina di Forio s.r.l. ha clamorosamente disatteso le aspettative di sviluppo sociale del popolo di Forio e vanificato, sino a questo momento, i suoi sforzi economici, in quanto nei cinque anni trascorsi:

  1. A) la società Marina del Raggio Verde s.r.l. sino al 31 dicembre 2014 ha chiuso i suoi bilanci in perdita o con utili inconsistenti;
  2. B) la società Marina di Forio s.r.l., socio privato della società Marina del Raggio Verde s.r.l. col 49% del capitale societario, a cui è affidata la gestione operativa del Porto, con riferimento all’investimento contrattuale di euro 2.556.438,35 che avrebbe dovuto effettuare per la realizzazione del 1° lotto delle infrastrutture portuali i lavori effettivamente realizzati dal bilancio al 31.12.2014 risultano essere pari ad euro 1.341.618,36 e per tale solo parziale investimento nulla sarebbe stato ancora restituito al socio privato e non risultato distribuiti utili di esercizio; considerato che il socio privato Marina di Forio s.r.l. ha già chiesto, sin dal 31 maggio 2013, al Comune di Forio e al suo stesso socio di maggioranza Marina del Raggio Verde s.r.l. un allarmante riconoscimento, instaurando di fatto un contenzioso, di un danno di euro 2.056.619,00;

Ciò significa che per l’Amministrazione comunale di Forio in carica la società Marina del Raggio Verde s.r.l. e il suo socio privato società Marina di Forio s.r.l. potrebbero gestire l’attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto sino al 31 dicembre 2052? Visto gli esiti negativi della gestione in atto ciò costituirebbe una vera sciagura economica e sociale per la Collettività foriana. D’altronde la gestione privatistica dei beni pubblici si è dimostrata ovunque sempre positiva per gli interessi privati e negativa per quelli collettivi.

Se il Comune decidesse di gestire in proprio e direttamente il Porto avrebbe già le strutture per poterlo fare; considerato anche che prima di ogni decisione da parte della Regione Campania deve essere verificato il mantenimento contrattuale, da parte della società Marina del Raggio Verde s.r.l., dei fondali del porto alle quote di progetto; visto che la società Marina del Raggio Verde s.r.l. risulta inadempiente verso il Comune:

  1. a) per il mancato completamento dell’investimento di euro 2.556.438,35 da parte del socio privato di minoranza società Marina di Forio s.r.l. per completare i lavori relativi al 1° lotto e che, a norma dell’art. 7 del contratto l’Amministrazione comunale, da quanto ci risulta, non ha provveduto a  contestare tale inadempienza, che avrebbe potuto portare anche alla risoluzione anticipata del rapporto di sub-affidamento;
  2. b) perché deve ancora versare al Comune la differenza di oneri concessori di euro 107.592,00;

ritenuto che il Comune di Forio con le proprie risorse professionali, per quanto attiene agli incassi, e affidando in concessione con gara singole attività lavorative  possa gestire direttamente e in proprio sin da subito le attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto; ritenuto ancora che nessuna iniziativa politica e istituzionale vada risparmiata per realizzare, attraverso la gestione diretta e in proprio del Porto da parte del Comune, le risorse necessarie utili a promuovere, finalmente, lo sviluppo strutturale, economico, sociale e civile di Forio, osservato quanto sopra chiede alla regione Campania, giunta regionale, assessorato ai trasporti e viabilità, dipartimento delle politiche territoriali, direzione generale per la mobilità e unità operativa dirigenziale 53 07 05:

  1. di non concedere, per le ragioni sopra esposte e che qui si intendono integralmente riportate, l’autorizzazione al Comune di Forio prevista dall’art. 45 bis del codice della navigazione per l’affidamento della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. e sino alla stessa data del 31 dicembre 2020.
  2. di favorire la gestione diretta e in proprio da parte del Comune di Forio delle attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto, di cui alla concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, utilizzando le proprie risorse professionali, per quanto attiene agli incassi, e affidando in concessione con gara singole attività lavorative, che, comunque, dovranno svolgersi alle dirette dipendenze del direttore generale nominato dal Comune;

E alle altre superiori Autorità di controllo istituzionale, a cui la presente viene inviata per conoscenza, Ognuna per le proprie specifiche competenze istituzionali e qualora Esse riscontrassero nella presente i necessari presupposti legislativi, regolamentari, contabili e di interesse sociale per intervenire, di verificare che l’eventuale autorizzazione rilasciata dalla Regione Campania al Comune di Forio ex art. 45 bis del codice della navigazione per l’affidamento della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. e sino alla stessa data del 31 dicembre 2020, sia legittimata:

1.1 – dal bando di gara per la selezione del soggetto imprenditore-socio privato di minoranza della società Marina del Raggio Verde s.r.l., Unipersonale, affidataria, ai sensi dell’art. 45 bis del codice della navigazione, della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020;

1.2 – dal rispetto delle norme contrattuali sottoscritte tra il Comune di Forio e la società Marina del Raggio Verde s.r.l., anche in riferimento a quanto sostenuto nella corrispondenza intercorsa tra il Comune di Forio e la Regione Campania in seguito all’istanza presentata dallo stesso Comune sin dal 28 marzo 2013 e sino ai giorni nostri per il rinnovo dell’autorizzazione prevista dall’art. 45 bis del codice della navigazione;

1.3 – dalla gestione effettuata dal 2011 ad oggi delle attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto di Forio svolta dalla società Marina di Forio s.r.l., socio privato della società Marina del Raggio Verde s.r.l..

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close