ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Porto di Lacco Ameno, assenti i testi dell’accusa: processo rinviato a giugno

di Francesco Ferrandino

ISCHIA. Ieri presso il Tribunale di Napoli, prima sezione collegio B, presieduto dal giudice Pellecchia, sarebbe dovuto riprendere il processo per il “porto delle nebbie”. Ci riferiamo alla procedura che si concretò nell’assegnamento della gestione del porto turistico di Lacco Ameno all’imprenditore Giuseppe Perrella, imputato insieme all’ingegner Gaetano Grasso per abuso d’ufficio.  Davanti al Tribunale era in programma la deposizione di coloro che agendo nel loro ruolo di polizia giudiziaria ebbero una parte rilevante nelle indagini dirette dal pubblico ministero. In particolare, era stata fissata la testimonianza del Comandante Agostino Piscopo, dell’Ufficio circondariale marittimo di Ischia diretto dal Comandante De Angelis. La sua assenza ha quindi determinato un rinvio, che il Presidente Pellecchia ha fissato, d’accordo con le parti, per il prossimo 20 giugno.

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE IN EDICOLA

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close