CRONACAPRIMO PIANO

Porto, la rivoluzione del traffico piace a (quasi) tutti i tassisti

Nonostante ci siano alcuni aspetti da migliorare, il nuovo dispositivo del traffico voluto dall’amministrazione Ferrandino soddisfa gli operatori del servizio pubblico da piazza, che chiedono pensiline e lo spostamento dell’area di sosta sul ponte degli imbarchi, così da snellire il traffico nelle arterie principali di Ischia Porto

Ormai ci siamo. Il secondo week-end per testare la bontà del piano traffico voluto dall’amministrazione Ferrandino è ufficialmente iniziato. La missione è di abbattere il caos nel porto. Gli arrivi aumentano e lo “stress-test” per saggiare la qualità del rivoluzionario dispositivo che ha avuto l’ambizioso obiettivo di azzerare o almeno diminuire sensibilmente la situazione di stress del porto è pronto a entrare in funzione. Riuscirà il nuovo piano traffico che prevede di far parcheggiare le autovetture in procinto di partire verso la terraferma presso l’ex parcheggio Guerra a centrare l’obiettivo? Agosto sarà sicuramente il mese delle risposte, un mese durante il quale si capirà quali dettagli migliorare di un piano che tutto sommato si sta mostrando benevolo e particolarmente funzionante. Oggettivamente la banchina olimpica appare molto più ordinata, un biglietto da visita decisamente più consono a un porto turistico che ogni giorno vede passare migliaia di persone e che proprio non poteva permettersi di concedere quello spettacolo indecoroso di caos e disordine che faceva apparire l’approdo ischitano più simile a una rimessa di auto che a un porto turistico.

Un cambiamento radicale salutato positivamente anche dai tassisti. Certo le voci fuori dal coro non mancano, c’è chi non è del tutto contento della nuova disposizione e fa notare, a volte anche con toni feroci, le modifiche che dovrebbero essere attuate con velocità e impellenza. Ma nella maggior parte dei casi i tassisti sembrano aver accettato di buon grado il nuovo dispositivo del traffico.

Lo sottolinea anche Giovanni Galano, rappresentante sindacale SILT, servizi integrati logistica trasporti, che nonostante non manchi di sottolineare alcuni aspetti del nuovo piano traffico che andrebbero modificati per migliorare ulteriormente il traffico nel nevralgico porto ischitano, a nome di buona parte della categoria dei tassisti, ha accolto favorevolmente il nuovo piano che ha il vantaggio di rendere molto più veloce e ordinato il lavoro svolto dalle auto bianche per venire incontro alle esigenze di movimento dei turisti appena sbarcati o di chi ha necessità di raggiungere i porti di Ischia nel minor tempo e nella massima comodità.

“Dopo aver testato su strada e di persona la situazione – ci confida Galano – posso affermare che la situazione è nettamente migliorata. Tutto è molto più ordinato e fluido, un miglioramento evidente. Basti pensare che nel momento in cui i taxi che si trovano già nell’area portuale, in via Iasolino e presso la Banchina Olimpica, vengono immediatamente rimpiazzati nel momento in cui 2 o 3 taxi servono i clienti. Dall’ex parcheggio Guerra partono altri taxi in modo da mantenere per lo più stabile la situazione presso la banchina Olimpica, dove ci sono sempre almeno 10 taxi e presso via Iasolino, agli imbarchi degli aliscafi, dove ci sono sempre in media 15 taxi pronti a rispondere alle esigenze dei clienti, direi quindi che stiamo andando molto bene, che per adesso, il test del primo week-end ha dato buoni frutti e che siamo fiduciosi per il primo week-end di agosto”.Non c’è dubbio che tutto stia filando liscio anche grazie alla sinergia che c’è tra gli uomini della Capitaneria di Porto, la Polizia Municipale e gli esponenti dell’amministrazione che si sono impegnati a far funzionare adeguatamente il nuovo dispositivo. Se proprio vogliamo trovare qualche difetto dobbiamo capire come velocizzare il momento in cui il taxi si muove e dal parcheggio deve raggiungere le aree di sosta per servire i passeggeri dei traghetti e degli aliscafi. Grazie alle telecamere, stratagemma che pensiamo di utilizzare anche in altri stazioni taxi, riusciamo a monitorare sempre quando c’è mancanza di tassisti presso i porti. Un ottimo passo avanti che non solo ci consente di essere sempre presenti per fornire i nostri servizi, ma che in più ci permette di risparmiare anche carburante visto che prima ci muovevamo alla cieca ed eravamo costretti a fare diversi viaggi a vuoto prima di trovare spazio libero per far sostare le vetture.

Cosa migliorerebbe nell’immediato per aumentare la qualità del servizio?
Sicuramente aggiungere delle pensiline sia nel parcheggio Guerra che al porto presso la banchina Olimpica. Noi siamo sempre presenti, ma per congiunture particolari può capitare che manchi per qualche minuto un taxi sul porto. Anche poche decine di secondi ad aspettare sotto il sole cocente l’arrivo di una nostra vettura può rappresentare uno stress di non poco conto, soprattutto per persone anziane e bambini. Un disagio facilmente risolvibile se si realizzassero dei punti dove poter trovare ristoro dal sole o anche dalla pioggia, un po’come già avviene presso il Molo Beverello di Napoli.

E del traffico peggiorato sulle arterie principali? Soprattutto durante le ore di punta?
Nelle settimane più calde dell’anno le automobili dalla terraferma arrivano, è un dato di fatto. C’è poco da fare. Forse però per evitare che i taxi che devono muoversi dal parcheggio Guerra diano troppo intralcio si potrebbe pensare di posizionare le auto bianche lungo il ponte degli imbarchi, in modo da evitare che i taxi possano contribuire ad aumentare il traffico in strada.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close