CULTURA & SOCIETA'PRIMO PIANO

Premio Ischia, in Piazza Santa Restituta la 40esima edizione

Una serata emozionante: sul palco tutti i premiati, ospite musicale Peppino Di Capri grande amico dell’isola

E’ stato il gruppo folk de La Ndrezzata ad aprire la 40° edizione del Premio Ischia tenutasi sabato 29 giugno in Piazza Santa Restituta. Una scelta non casuale: la Ndrezzata aprì anche la prima edizione di questo che è il festival internazionale di giornalismo più longevo e autorevole. Sul palco Franco di Mare e Oliva Tassera che hanno condotto quest’importante serata.

Il primo dei premiati è stato Carlo Verdelli, direttore di  “Repubblica”, Premio Ischia Giornalista dell’anno, premiato da Ludovico Fois, consigliere per le relazioni esterne dell’Aci e componente della giuria Premio Ischia Comunicatore. «Quella delle fake news – ha dichiarato Verdellli – è la questione del momento, bisogna saper distinguere tra propaganda o info. Il compito del buon giornalista è di nonfare  confusione. Per il resto, questo, resta uno dei mestieri più belli che possano capitare, questo premio è motivo di grande onore e uno sprone per questa avventura che ho appena iniziato con Repubblica». Momento emozionante quello che ha visto il ricordo di Massimo Bordin, a lui è andato il premio Ischia per  l’impegno sociale a Radio Radicale. A ritirarlo per lui il direttore di Radio Capitale Aniello Falconio che, insieme a Luigi Contu, direttore dell’Ansa ha tracciato il ricordo di Bordin, «ringrazio la giuria perché ci date la possibilità di ricordare un grande maestro come Massimo nell’anno in cui ci ha lasciati. E’ stato un grande lavoratore di qualità e di quantità.

Si iniziava alle 6 fino alle 21 con la rassegna stampa.  Continuare nel solco da lui tracciato è una strada non facile, ma rende la nostra sfida più avvincente».Si è quindi passati ai  Premi speciali che sono stati assegnati a Francesco Piccinini direttore di Fanpage per l’informazione online e a Italo Cucci alla carriera, premiati sul palco da Massimo Scambelluri, presidente DATASTAMPA e quello per l’informazione regionale ad Antonello Perillo, responsabile TGR Campania, premiato da Nicola Marrazzo, presidente commissione bilancio della Regione Campania.Da parte di Italo Cucci qualche anticipazione su un difensore greco che, proprio in quelle ore, pare stesse firmando per il Napoli. Emozionato Perrillo ha, invece, sottolineato l’importanza del lavoro di squadra, «siamo come i Carabinieri i primi a intervenire.

Dedico questo premio alla mia famiglia, tutti i colleghi e alla mia splendida redazione».Con Piccinini si è invece fatto un resoconto di quanto realizzato in pochi anni con fan page, «in tanti anni abbiamo costruito qualcosa di straordinario, una squadra che si muove quasi come un orologio ed è una grande soddisfazione».A sorpresa, è salita sul palco Valeria Speroni Cardi, responsabile della comunicazione di Menarini che ha premiato quello che la presentatrice della serata, Oliva Tassera, ha definito un conduttore “storico” del Premio Ischia, un “inviato di guerra”, “conduttore”, un “grande professionista della RAI”: Franco Di Mare. «Per me è un onore – ha dichiarato quest’ultimo – Ischia è un’isola meravigliosa e, in tanti anni del premio, ho visto passare su questo palco il fior fior delle firme».Dal palco, prima di passare alla sorpresa musicale della serata, un saluto aMaria Beretti e Serena Gaucci giornaliste di Fan Page che, in piedi tra la platea, hanno raccolto l’applauso del pubblico. «Siete giovani, tenete duro – ha detto loro Franco Di Mare – è un mestiere straordinario e poi è sempre meglio che lavorare».

Tra gli applausi è salito sul palco Peppino di Capri, grande amico di Ischia dove ha iniziato la sua carriera musicale. Ed è con un medley che ha salutato la sua isola, partendo proprio da “Nun è peccato” brano scritto da Ugo Calise, «l’ amore del pubblico – ha dichiarato il cantante – è il segreto della mia longevità».È quindi giunto il momento del Premio “Comunicatore dell’anno” 2019 assegnato ad Alessandro Magnoni, Direttore Comunicazione e Affari Istituzionali di Whirlpool Europa, Medio Oriente e Africa, premiato dal Sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale.Le buone notizie aiutano a migliorare lo stato d’ animo  e anche l’ economia! E’ così che è stato annunciato il Premio Terna “Comunicazione Sostenibile” andato a Elisabetta Soglio per l’impegno profuso sui temi del terzo settore, volontariato, sviluppo sostenibile, economia circolare e ambiente trattati settimanalmente nell’inserto ‘Buone Notizie’ del Corriere della Sera.

«Raccontare de le Buone notizie fa bene anche ai giornalisti, e poi sono tantissime, un segno della positività del nostro paese!».Momento davvero emozionante la consegna del premio Ischia giornalista dell’anno per il racconto sportivo a Federico Buffa. In una piccola clip uno dei suoi speciali con cui ha raccolto storie di sport. «La storia che più mi è rimasta nel cuore? Quella di Mohamed Ali. Era solito correre su di un ponte, ma la polizia non voleva un nero che correva. L’attualità ci dice che quella storia non è poi tanto lontana nel tempo».A premiarlo il presidente dell’Istituto di credito sportivo Andrea Abodi che ha sottolineato lo stimolo offerto dalle Universiadi per cercare di far gestire al meglio le infrastrutture. «Pensiamo di creare stadi non solo per partite ma pure per ospitare eventi d’ importanza mondiale».Sul palco anche Francesca Schiavo con una sua versione di “voce e notte”.

«Ho paura sempre, ma la paura è necessaria. Fare questo lavoro significa avere cura delle parole e delle vite degli altri. Un pensiero alle 40 persone arrivate stanotte e a tutti i morti del Mediterraneo». Sono state queste le parole di Francesca Mannocchi, donna, inviata di guerra e vincitrice del premio Ischia giornalista – scrittore, premiata sul palco da Carlo Gambalonga, vicepresidente della Fondazione Premio Ischia.«Il nostro paese ha un enorme limite: quello di essere in prima fila nell’ auto flagellazione violenta. Siamo un grande paese abbiamo grandi risorse e la dimostrazione è che, nonostante tutto, abbiamo dei risultati straordinari. Recuperiamo questo sentimento lo dobbiamo per i nostri figli», è così che ha salutato il pubblico Fabio Tamburini, direttore “Sole 24 ore” che ha ricevuto il premio  Ischia per l’economia da Elena Stoppioni, Presidente di “Save the Planet”. In un’altra clip un altro dei momenti più emozionanti di questa 40° edizione del premio Ischia con la consegna della penna d’oro della Presidenza del Consiglio alla Senatrice a vita Liliana Segre.

A consegnarglielo, mercoledì scorso presso Palazzo Giustiniani del Senato della Repubblica, il Sottosegretario all’editoria Sen. Vito Crimi. «È stato per me un onore – ha detto alla piazza ischitana –mi preme sottolineare la riflessione sull’ importanza delle parole, su quanto possano far bene o male. La direzione da seguire è trasmettere parole di bellezza, capire in che modo possiamo dare una mano a parlare meglio, soprattutto ai giovani, perché il futuro è quello è ai giovani che bisogna trasmettere le parole in modo professionale».In ultimo, la consegna del Premio Internazionale 2019 a GrigoryPasko, giornalista russo, ex ufficiale della Marina russa, prigioniero di coscienza designato e fondatore di Ecology and Law, rivista per i diritti ambientali e per i diritti dei cittadini, premiato sul palco da Fulvio Bonavitacola, vice presidente della giunta regionale della Campania. «Il mio sogno? Che per informare non si debba più rischiare di morire».«Un’edizione difficile – commentano i fratelli Valentino – ma ce l’abbiamo fatta», sul palco per i saluti finali Elio Valentino a ricevere, simbolicamente, la medaglia d’Oro con cui il Presidente della Repubblica ha premiato il loro impegno. Il Premio Ischia, dopo 40 anni, continua a brillare e a far brillare Ischia.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker