CULTURA & SOCIETA'

Presentato il Museo Civico di Procida a Terra Murata

Alla conferenza stampa presenti l’Assessore Antonio Carannante, del Direttore del Museo Nicola Scotto di Carlo, i proprietari dell’isola di Vivara sigg. ri Diana, il Prof. Marazzi e il Commissario della Riserva Naturale Statale Gennaro Esposito

Nella splendida cornice del borgo antico di Terra Murata, nei locali del Palazzo della Cultura, si è tenuta la presentazione alpubblico del “Museo Civico di Procida” che ha visto la partecipazione, tra gli altri, dell’Assessore Antonio Carannante, del Direttore del Museo Nicola Scotto di Carlo, i proprietaridell’isola di Vivara sigg. ri Diana, il Prof. M. Marazzi e il Commissario della Riserva Naturale Statale Gennaro Esposito, nominato, lo scorso mese di aprile, dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

«Finalmente – sottolinea l’assessore Antonio Carannante – abbiamoraggiunto anche questo obiettivo, tra tanti sforzi economici e i ritardi dovuti al lockdown del Covid. Il Museo Civico sarà situato nei locali al piano terradell’ex Conservatorio delle Orfane a Terra Murata e si estenderà anche alla Cappella della Purità. Da oggi Procida ha una rinnovata e preziosa attrattivaturistico/culturale. Ringraziamo le Università Federico II di Napoli e SuorOrsola Benincasa per la grande collaborazione. Inoltre colgo anche l’occasioneper ringraziare il Direttore Nicola Scotto di Carlo e le tante persone che hanno contribuito fattivamente a questo risultato, la Regione Campania in particolarmodo il Vice Presidente Bonavitacola e il Dott. Botta».

Il Direttore Nicola Scotto di Carlo, che ha curato la presentazione dettagliando i progressivi passi del progetto, dice: «Il nostro Museo Civico si può considerare una “infrastruttura culturale” in quanto si tratta di una “Istituzione permanente”, al servizio deiCittadini, nata con lo scopo di studiare, conservare e divulgare la storia, l’archeologia, la geologia, il mare, l’ambiente e la storia della nostra Isola. Inoltre, è già nata con la Riserva Naturale di Stato una stretta sinergia perospitare il Centro Visite e Infopoint di Vivara. Il Museo Civico avrà diverse Sezioni: Geologia; Storia Antica dell’Isola di Procida; Storiadella Marineria Procidana. Inoltre comprenderà il Centro Visite di Vivara, curata dalla Riserva, su flora, fauna aree protette e Rete Natura 2000 -. Infine, dopo 18 anni viene trasferita da Napoli a Procida, sempre presso l’ex Conservatorio delle Orfane, la sede del Comitato di Gestione della Riserva di Vivara».

Proprio su questo aspetto si è intrattenuto il nuovo Commissario Gennaro Esposito che ha precisato: «Si tratta di un obiettivo fissato dal Ministero dell’Ambiente che abbiamo raggiunto grazie soprattutto alla forte volontà del Comune di Procida che ha messo a disposizione i locali e due dipendenti comunali. Fondamentale è stato anche il supporto della Regione Campania–Presidenzae Assessorato all’Ambiente, che ha distaccato due dipendenti regionali pressola Riserva, nonché per aver garantito la prevenzione antincendio e lamanutenzione della sentieristica attraverso la SMA Campania, i cui operai già sono all’opera. A ciò si aggiunga il forte impegno dell’Arma dei Carabinieri, nella sua componente Forestale e Territoriale per il rafforzamento della sorveglianza della Riserva di Vivara. Sonopiccoli passi importanti per una maggiore tutela e valorizzazione di Vivara in piena sintonia con i proprietari signori Diana».

«La proprietà di Vivara–hanno affermato gli eredi dell’avv. Diana – è benfelice dei risultati ottenuti dal Comune di Procida con il Museo civico e il trasferimento della sede del comitato di gestione della RNS Isola di Vivara da Napoli a Procida località Terra Murata, luogo di grande interesse culturale. Siamo orgogliosi di presenziare a questa giornata per il Museo Civico di Procida che, siamo sicuri, accrescerà il patrimonio storico dell’Isolotto di Vivara al quale anche nostro padre, avv. Giuseppe Diana, era profondamente legato. Auguriamo che il Museo diventi un punto cardine della cultura Procidanae che trasmetta tutto il valore di Vivara e di Procida ai visitatori».

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button