ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

«Prima esisteva la vera Politica. Oggi è un assurdo “Caularone” permanente»

«Il panorama politico è cambiato in modo radicale, non certo in meglio. Oggi, diciamolo chiaramente, non si capisce più nulla. Le liste civiche erano un’eccezione, mentre oggi a livello locale sono la regola e costituiscono il paravento che nasconde questi continui cambi di casacca.

Durante la Prima Repubblica il cambiare partito era visto quasi come un’infamia, chi lo faceva era visto come un “traditore” che si escludeva dalla vita politica, rimanendone ai margini. Pomicino dice la verità. Le ideologie oggi sono scomparse, ma esse non costituivano un male, ma erano anzi il simbolo di un’appartenenza di cui ciascuno andava orgoglioso.

Io iniziai a fare attività politica sin dall’adolescenza, e chi frequentava il partito ne seguiva scrupolosamente la linea. A livello locale, poi, non ne parliamo: nella Prima repubblica, quando mai sarebbe stato concepibile una cosa assurda come il “Caularone”?! Fu davvero una ridicolaggine, a cui fummo “costretti”, ma io sono democristiano e morirò democristiano.

Oggi i riferimenti politici sono annullati. Prendiamo lo stesso Pd: all’interno del partito ci sono tantissimi ex democristiani: un minestrone. E quest’andazzo ha l’aria di continuare per molto tempo ancora. Al momento non vedo come possa nascere una nuova autentica classe dirigente in grado di dare un vera identità ai movimenti politici. Ma solo in quel momento di potrà nuovamente parlare di un ritorno della politica».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close