ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Procida, area Marina Protetta, Scala “punge” sindaco e maggioranza

PROCIDA – Nei giorni scorsi il consigliere comunale del gruppo “Per Procida” nonché commissario di Forza Italia per l’isola di Procida, dott. Menico Scala, ha inviato una nota al Sindaco Dino Ambrosino, al presidente Consiglio ComunaleAntonio Intartagliae al Segretario generale dove interroga per sapere lo stato dell’arte dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”. Nel documento si legge: “Il sottoscritto Menico Scala, consigliere comunale appartenete al gruppo “Per Procida, nell’apprendere daorgani di stampa“La nuova era del Regno di Nettuno, così l’AMP rinasce a nuova vita”, riportato dalla versione on line de “Il Golfo” del 9 giugno, dove si scriveche:

“I bilanci in ordine, le boe installate nella zona A, una nuova sede a Ischia, collaborazione con diverse associazioni e apertura dell’Amp ai cittadini e ai ragazzi con numerose iniziative di sensibilizzazione ed educazione ambientale. Il lavoro di questi due anni di gestione provvisoria lascia una situazione in ordine e un ente più vicino al territorio”;

“Fondamentale anche lo promozione e la comunicazione con l’apertura di tre infopoint (a Ischia, Forio e Sant’Angelo), la realizzazione di materiale informativo come cartine e calendari e articoli mensili su giornali locali oltre a una comunicazione periodica alla stampa”.

“E poi la sinergia con il territorio e le associazioni, tra cui Marevivo e Legambiente, grazie alle quali l’Area Marina ha partecipato a campagne e progetti di sensibilizzazione come Ricicla estate 2017 e tanti altri. Molto spazio è stato dato anche all’educazione ambientale con numerosi progetti che hanno coinvolto le scuole dell’isola tra cui “Nettuno va a scuola”.

“L’organizzazione di convegni come “Il capitale naturale” ha visto la partecipazione ad Ischia di figure nazionali di primo piano nel mondo dei Parchi e all’ambientalismo, rilanciando il ruolo del Regno di Nettuno nel panorama nazionale delle aree protette. E come non citare “Un mare di cultura”, progetto finanziato dalla Regione Campania e realizzato insieme alle altre aree marine protette regionali, che ha coinvolto giornalisti delle più importanti testate nazionali e internazionali”.

“La crescita delle autorizzazioni per la pesca sportiva e professionale hanno consentito un aumento degli introiti, condizione indispensabile per poter garantire sussistenza e sopravvivenza alla struttura”.

Alla luce di quanto riportato si interroga per sapere:Considerato che l’Area Marina protetta “Regno di Nettuno” è composto dalle isole di Ischia e Procida, perché non risultano, dal 2015 ad oggi, iniziative che abbiano coinvolto l’isola di Procida? Quanto contribuisce l’isola di Procida, attraverso il pagamento di diportisti e pescatori, al bilancio del “Regno di Nettuno”?

Perché l’isola d’Ischia deve disporre di una sede più n°3 infopoint è l’isola di Procida nulla?

Si interroga, altresì, per conoscere, in maniera dettagliata:verbali, determine, costi, incassi, personale utilizzato, gare e tutto quanto connesso, direttamente e indirettamente, alle attività sopra menzionate e mai smentite”.

Guglielmo Taliercio

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close