SPORT

Procida, che crollo con l’Ercolano

Debutto choc per la squadra di Giovanni Iovine che incassa un pesante 4-1 al nuovo "Spinetti". Di Veneziano il gol biancorosso.

Procida 1

Ercolano 4

Procida: Lamarra, Veneziano, Annunziata (23’st Gamba), Mammalella (37’pt D’Auria), Micallo, Russo (35’pt Improta), De Luise, Mazzella (7’st Muro), Costagliola L., Costagliola A., Cibelli ( 28’st Ambrosino). In panchina Atteo, Calise, Vanzanella, Calise. Allenatore Giovanni Iovine

Ercolano: Uliano, Testaguzza, Bottigliero (46’st Tamburro), Minauda, Ianuale, Incarnato, Sacco (41’st D’Orsi), Porcaro, Iattarelli (33’st Borrelli), Manco (22’st Narciso), Cozzolino (40’st Imperato). In panchina Ambrosio, Cefariello, Montella. Allenatore Piero Ulivi

Arbitro: Giorgio Marino di Avellino; assistenti Orazio e Falco, di Frattamaggiore

Reti: 20’pt, 27’st Iattarelli (E), 5’st, 21’st Cozzolino (E), 38’st Veneziano (P)

Note: ammoniti Mammalella, Muro, Costagliola A., Cibelli (P), Incarnato, Sacco, Narciso (E); angoli 2-1; spettatori 200 circa.

Debutto amaro del Procida sul proprio campo casalingo, fresco di lavori di ristrutturazione. Allo “Spinetti” i biancorossi cadono sotto il 4-1 dell’Ercolano dopo una prestazione decisamente sottotono, rispetto agli standard. Tantissimi errori tecnici che sono stati pagati fin troppo caro contro una formazione complicata come quella di Piero Ulivi, trascinata da un ottimo Iattarelli, autore non solo di una dopietta, ma anche di un match giocato a tutta.

dig

Quello che non ha convinto è l’atteggiamento della squadra, che è scesa in campo senza il coltello tra i denti, caratteristica imprescindibile di ogni partita del Procida. I biancorossi, infatti, sebbene abbiano recuperato il campo di gioco anche per gli allenamenti, non possono di certo abbassare la guardia e pensare che ormai sia diventato tutto più semplice. Tanti, tantissimi gli errori tecnici commessi dai calciatori di Giovanni Iovine, con tanti palloni anche pericolosi che sono stati vanificati da un passaggio sbagliato. Anche dal punto di vista dell’armonia, non c’è stato tanto feeling, se non nel secondo tempo, verso il finale di partita. Non a caso, in quel momento è arrivato il gol del giovanissimo Veneziano, classe 2002, che per una volta ha tolto a Gigio Annunziata il posto di miglior under di giornata.

dig

Il Procida scende in campo puntando su Stani Mazzella a centrocampo insieme a Vittorio De Luise e Mammalella. A sorpresa, Ciro Improta è infatti finito in panchina. A parte questo, però, è il solito Procida in termini di uomini e schieramento. Prima dell’inizio del match, un minuto di raccoglimento per ricordare Vincenzo Trapanese, storico magazziniere del Procida, venuto a mancare. Nel primo tempo succede pochino, con l’Ercolano che si rende pericoloso già nel 1′ di gioco con un pallone che danza un po’ troppo all’interno dell’area di rigore del Procida, poi spazzata per bene. Al 10′ ottimo contropiede del Procida con Lorenzo Costagliola che preferisce mettersi in proprio ignorando la sovrapposizione di Cibelli che si dispera e il gol che non arriva.

dig

Al 20′ viene assegnato un calcio di punizione sulla trequarti destra del fronte d’attacco dell’Ercolano con Manco che serve al bacio Ciro Iattarelli che si butta in avanti e di testa, tutto solo, supera Lamarra per il vantaggio degli ospiti. Movimento che sembra essere buono anche ad un primo replay ed Ercolano in vantaggio 1-0. Al 31′ ancora ospiti pericolosi con Manco, che però manda alto. Al 32′ Iattarelli doma un buon pallone, entra in area dopo anche un sombrero a Russo, ma perde l’attimo per il tiro e l’azione sfuma. Al 40′ Lorenzo Costagliola se ne va sulla destra, si incunea in area di rigore e prova a servire un compagno al centro, ma il pallone è troppo sul portiere, che blocca. Il primo tempo si chiude sul punteggio di 1-0 per l’Ercolano. Nella ripresa, al 5′ Manco aggancia un pallone a centrocampo, elude ben due avversari con un solo movimento, prova a lanciare in area il pallone per Cozzolino, che spunta alle spalle dei difensori e scavalca Lamarra con un pregevole pallonetto.

dig

Al 16′ cerca gloria il neo entrato Fabrizio Muro con un tiro dal limite, ma niente da fare. Al 21′ errore di Vittorio De Luise che passa inavvertitamente il pallone da un avversario che serve ancora Cozzolino, che replica lo stesso movimento e mette dentro anche il 3-0. Al 23′ traversa di Minauda che sfiora il 4-0. L’appuntamento con il nuovo gol è però solo rimandato, infatti al 27′ ancora Iattarelli firma il 4-0 sfruttando un ottimo assist di Cozzolino, bravo ad andare sul fondo da sinistra. Al 38′ il gol del migliore in campo del Procida, il giovane classe 2002 Giacinto Veneziano, con col mancino batte Uliano e dà un minimo di senso al finale. Di sorprese, però, nemmeno l’ombra.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close