SPORT

Procida, pareggio col Pianura e campionato riaperto

Il gol segnato al 6' della ripresa da Lorenzo Costagliola rimette in discussione una contesa che solo qualche settimana fa pareva non avere più senso.

Pianura 1

Procida 1

Pianura: Navarra (15’st Di Napoli), D’Ascia, Orlandino (44’st Iaccarino), Pellini, Sacco, Pontillo, Guzzovaglia (15′ Ventre), Cardore, Borrelli, Pirone, Zaccaro (15’st Polverino). In panchina Canzano, Tedesco, Luongo, Avolio, Maturo. Allenatore Savio Sarnataro.

Procida: Lamarra, De Luise, Annunziata, Mammalella, Micallo, Russo, Cerase (3’st Veneziano), Mazzella, Costagliola L., Costagliola A., Cibelli (40’st Vanzanella). In panchina Atteo, Ambrosino S., Calise, Pisano, Ambrosino D., Pesce, D’Auria. Allenatore Giovanni Iovine.

Arbitro: Roberto Coscarelli di Salerno, assistenti Luca Arcella di Frattamaggiore e Domenico Perna di Ercolano.

Reti: 43’pt Pirone (PIA), 6’st Costagliola L. (PRO)

Note: ammoniti Borrelli (PIA), Mammalella, Costagliola L. (PRO)

Un Procida tutto cuore ferma ancora la corsa del Pianura, pareggiando per 1-1. Nella domenica mattina dello stadio “Simpatia” arrivano conferme sulle grandissime qualità della squadra di mister Giovanni Iovine, che ancora una volta si fa notare in quanto a carattere. Le premesse non erano certo delle migliori, con l’assenza importante di Ciro Improta a centrcampo che costringe il tecnico a ridisegnare la squadra proprio per la sfida alla capolista. Incredibilmente, però, è come se le difficoltà esaltassero sempre più le doti della formazione biancorossa, che pare non far caso al talento e allo spessore del Pianura dimostrando di saper soffrire, ma anche di avere nella propria faretra le frecce giuste per saper ripartire. Se nel primo tempo il Procida non era praticamente mai riuscito a rendersi veramente pericoloso, subendo anche il vantaggio dei padroni di casa grazie all’ex Valentino Pirone, nella ripresa il solito Lorenzo Costagliola ha ricucito lo strappo con i gol del 1-1, riaprendo un campionato che appena poche settimane fa sembrava già chiuso. Ora, con il pareggio tra Procida e Pianura e il successo dell’Ischia Calcio sulla Puteolana il finale scontato è decisamente tutto da riscrivere. Il silenzio stampa del Pianura non può che essere interpretata come una scelta decisamente eloquente.

Nei primi minuti della partita le due squadre di sono studiate. Poi la prima frazione di gioco è stata di marca biancoazzurra. La prima occasione del Pianura si avvera al decimo minuto con una punizione di Pirone parata da Lamarra. I padroni di casa hanno il pallino del gioco in mano e spesso arrivano nei pressi dell’area isolana, ma gli uomini di mister Iovine, in classica tenuta biancorossa, riescono a contenere le azioni offensive. Il Procida sembra contratto e gli avversari fanno valere la propria fisicità, specialmente sui calci piazzati. Al minuto 26 il Pianura va vicino al gol con un tiro sotto misura di Zaccaro ma la palla esce di poco. Altra azione pericolosa al minuto 30 con D’Ascia che la piazza in mezzo per la testa di Pirone, ma ancora una volta la retroguardia isolana si salva. Grande il lavoro di Lamarra a porta e Micallo come guida della difesa procidana. Al 33esimo il Pianura ad un passo dal vantaggio con un tiro di Cardore che si stampa sulla traversa. Gli ospiti provano a rispondere con dei lanci lunghi per Cibelli, ma la retroguardia dei biancoazzurri chiude bene. Il vantaggio del Pianura arriva al minuto 43: a segnare è Pirone su punizione. Palla alta all’angolo sinistro di Lamarra, che il portiere riesce solo a sfiorare. La prima frazione di gioco si chiude con i padroni di casa in meritato vantaggio.

Secondo tempo ricco di emozioni. Mister Iovine manda subito in campo Veneziano al posto di Cerase per cercare di raddrizzare il match. Ma al quinto minuto il Pianura va vicinissimo al raddoppio ed ancora una volta Lamarra ci mette una pezza. Dal possibile doppio vantaggio al pareggio del Procida il passo è breve. Un minuto dopo lampo di Cibelli che con un tiro a giro da fuori prende il palo, che favorisce la ribattuta del numero 9 L. Costagliola. Da questo momento la partita si accende ulteriormente ed aumentano, seppur in un clima di correttezza, gli scontri fisici. Al quarto d’ora mister Sarnataro opta per un triplo cambio per dare una scossa alla sua squadra colpita anche nel morale dal pareggio incassato. Tempo un minuto ed il Pianura di nuovo vicino al gol. Da un cross di Pirone, vera spina nel fianco tutta la partita, la colpisce di testa il numero 9 Borrelli. Sembra cosa fatta ma ancora una volta Lamarra salva la sua squadra. Al minuto 17 il primo episodio da moviola. Un avventato retropassaggio del difensore del Pianura Orlandino spiazza il suo portiere, che con una gran corsa riesce a togliere la palla proprio sulla linea. Altro episodio da analizzare arriva al minuto 26. Questa volta avviene in area isolana. I padroni di casa chiedono un rigore per fallo su Borrelli ma l’arbitro lascia correre. Il gioco si spezzetta a causa di falli di gioco e sostituzioni. Altri brividi negli ultimi minuti. Ad andare vicino al gol è ancora una volta il Pianura. Al minuto 41 il subentrato Ventre mette una palla in mezzo che attraversa indisturbata l’intera area. Poi in pieno recupero sortita sulla fascia di Cardore che la mette al centro e Borrelli, da distanza ravvicinata, prende il palo. La partita termina 1-1. Per il Pianura, che mantiene ancora la testa della classifica, un solo punto nelle ultime due partite mentre per gli isolani secondo pari di seguito utile a smuovere la classifica in piena zona play off.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close