SPORT

PROMOZIONE Procida, Cesarano: «Neapolis? Abbiamo un conto in sospeso»

Il presidente biancorosso fa il punto della situazione in merito al prossimo match: «Nel girone di andata ci rimase l’amaro in bocca per quel pareggio sul finire. Andremo lì a fare la nstra partita»

Il Procida di mister Ferraro continua la sua corsa verso i playoff. Centottanta minuti di gioco ancora, e poi gli spareggi, per sognare o meglio sperare, nel salto di categoria. Un’eccellenza ambita e desiderata forse da più di un anno se si considera che anche la scorsa stagione a questo punto del campionato ci si preparava per i playoff che poi sono andati come sono andati. Tutt’altra storia quest’anno dove ovviamente si spera in un epilogo diverso. Dopo la grande vittoria della scorsa settimana dove abbiamo assistito ad un vero e proprio show di Pianese, in una gara sicuramente dai due volti, i biancorossi del presidente Attilio Cesarano si apprestano ad affrontare la Neapolis. Una gara importante non solo per quei tre punti che farebbero tanto bene alla compagine isolana, a anche per una sorta di rivincita della squadra procidana che ha da riscattare un pari dell’andata alquanto stretto e amaro, strappato sul finire del match.

Si torna in campo quindi con determinazione, grinta e convinzione in virtù degli ultimi 180 minuti della regular season, per poi catapultarsi nel terno al lotto dei playoff.

Di questo e altro ne abbiamo parlato con il patron biancorosso Attilio Cesarano.

Presidente, prima di parlare di quella che sarà la prossima partita, facciamo un passo in dietro e riguardiamo il match di sabato scorso con il Rione Terra: un poker che oltre a riconfermare le doti di Pianese, visto il suo show personale, fa conquistare altre tre punti importantissimi in chiave playoff, pur essendo oramai certi che ce li si giocherà fuori casa…        

«Innanzitutto devo dire che sono molto soddisfatto del clima di grande unità e serenità che si è formato in squadra e attorno ad essa, dall’inizio dell’anno ad oggi. I procidani, come dicevo anche in tv l’atra sera, hanno una caratteristica principale, sono persone di gran cuore e soprattutto di una gran forza, quella forza che hanno ben dimostrato. Con l’arrivo del nuovo mister c’è stato anche un nuovo spirito. Uno spirito direi perso durante la prima parte di stagione e poi per fortuna ritrovato. In merito alla partita di sabato abbiamo disputato indubbiamente una buona partita e siamo riusciti a portare a casa un risultato importante. Per quel che concerne Pianese, non lo scopriamo certo oggi. E’ un ottimo giocatore che proviene dalla scuola del Napoli, ha tutto solo da insegnarci. E’ vero anche però che senza il giusto apporto del resto della squadra che gli crea i giusti spazi e i giusti varchi, non sarebbe certo riuscito nel suo show. Non voglio essere frainteso, ma credo che questa sia un’ottima squadra, composta da ottimi elementi che insieme se ben diretti possono raggiungere gli obiettivi prefissatici e darci tante soddisfazioni. Il Procida, infatti,  è convinto di fare la propria parte nei playoff anche se avremo quasi sicuramente l’handicap di giocare fuori casa, ma cercheremo di supplire a questa problematica con l’unità di intenti che da sempre contraddistingue i biancorossi».

Ads

Si torna in campo sabato ospiti della Neapolis, con la quale forse si ha un conto in sospeso, per quel pari strappato allo scadere nella partita di andata….

Ads

«Esatto, abbiamo un conto in sospeso perché a Procida, nella gara di andata pareggiarono all’ultimo secondo e c’è rimasto non poco amaro in bocca. Senza nulla togliere alla Neapolis, ma cercheremo di andare a vincere fuori casa e a fare la nostra gara per poter tornare a casa col bottino pieno».

Centottanta minuti e poi playoff: si aspettava questo risultato?

«In tutta onestà, mi aspettavo di più. Devo essere sincero, mi aspettavo di più e sono fermamente convinto che potevamo essere primi in classifica o al massimo, se proprio ci fosse andata male  al secondo posto. Nel girone di ritorno, grazie anche all’avvento di mister Ferraro, siamo riusciti a mettere nel sacco tre pareggi e otto vittorie. Se avessimo tenuto questa media anche nel girone di andata, saremo primi anche in classifica».

Il direttore generale Nicola Crisano, suo amico di sempre, ci ha confessato che ha un sogno nel cassetto: portare il Procida in D… 

«Io sono un po’ più realista, faccio un passo alla volta. Tra la realtà della promozione e il sogno della D, c’è la conquista dell’Eccellenza. La scaramanzia mi porta a non guardare troppo in là nel futuro, poi non mettiamo limiti al futuro. Sarebbe sicuramente un grandissimo sogno da realizzare».

Sabato si gioca anche un big match Poggiomarino-Sant’Antonio Abate…

«Cosa dire, che vinca il migliore! Per quanto ci riguarda se saremo fortunati, incontreremo o una o l’altra squadra fuori casa, se le cose andranno secondo i pronostici. In campionato abbiamo messo a segno una grande partita con il Poggiomarino che ci raggiunse al 90’ e Sant’Antonio idem, quindi ci riteniamo all’altezza di entrambe e capaci di giocarcela fino alla fine»

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button