CRONACA

Prorogato il divieto di balneazione a San Montano

Il provvedimento ha natura temporanea ed è stato firmato dal sindaco Giacomo Pascale integra l’Ordinanza Sindacale n° 15: a imporlo la necessità di procedere al ripascimento dell’arenile, accolte le richieste del Negombo

Per consentire il prosieguo delle attività di ripascimento in quel di San Montano il sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale rivede le sue disposizioni in materia ed integra l’ordinanza sindacale n.15 per il divieto di balneazione temporaneo nella Baia del Negombo. Tutto prorogato fino al 7 luglio. Sono stati gli stessi gestori del Negombo ha richiedere più tempo per lavorare. Infatti in precedenza il 24 giugno scorso, rispettivamente la Società Immobiliare Cinarime Srl, e la Società Bar Stabilimento Marino e Termale S. Montano Srl, richiedevano, spiega Pascale “l’attivazione delle ordinanze comunali e della Capitaneria di Porto di Ischia per la corretta gestione e controllo delle aree demaniali marittime e degli specchi acquei interessati dalle operazioni di ripristino degli arenili dal giorno 25.06.2024 al giorno 29.06.2024 e comunicava la ditta realizzatrice delle opere”.

Quando già il sindaco con la sua ordinanza n° 15 il 24 giugno 2024 ordinava “il divieto temporaneo di utilizzo delle superfici del litorale demaniale marittimo e delle antistanti acque di balneazione per i giorni 25, 26, 27, 28 e 29 giugno 2024 dalle ore 20:00 alle ore 06:00, comunque lontano dagli orari di balneazione da parte degli utenti della spiaggia, durante lo svolgimento degli stessi per stato avanzamento lavori, limitatamente alle aree di cantiere interessate dai lavori di ricostruzione del profilo di spiaggia”; con note assunte al protocollo genere dell’Ente il 27 giugno 2024 le due srl richiedevano all’Ufficio Circondariale Marittimo e al Comune di Lacco Ameno la proroga delle rispettive ordinanze dal 29 giugno 2024 al 6 luglio 2024 al fine di permettere il completamento delle operazioni. Pascale per questo proroga il divieto di balneazione “Trattandosi di intervento stagionale che rientra nel contesto di esclusione di applicazione del Decreto 173/2016”, recepito dalla Delibera di Giunta Regionale della Regione Campania n. 386 del 27/06/2017, la quale indica che per operazioni di ripristino degli arenili per volumi movimentati inferiori a 20 metri cubi per metro lineare, le attività previste non sono soggette ad autorizzazione ma sono soggette a comunicazione.

Il divieto di balneazione ai fini della sicurezza balneare e della balneazione, nella spiaggia in località San Montano, interessata dall’esecuzione dei lavori di ricostruzione del profilo di spiaggia antecedente gli eventi meteomarini erosivi, sede di prelievi di sabbie in mare in corrispondenza degli accumuli e depositi nelle specifiche zone erose, inoltre l’utilizzo delle aree adiacenti non interessate ai lavori e che le aree, sede di prelievo e di deposito di sabbie, dovranno essere segnalate ai fini di assicurare la sicurezza balneare sulle superfici del litorale marittimo e l’interdizione alla balneazione nelle antistanti acque di balneazione interessate dai lavori.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

2 Commenti
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
antonio

lavori da fare il mese il mese di Luglio?

Uno qualsiasi.

Non c’è da meravigliarsi se sull’isola di Ischia i lavori iniziano sempre nei mesi estivi, è una brutta abitudine. Ma diciamo che ci sarebbe anche un’altra cosa da dire. Ma dopo il ripascimento la spiaggia di san montano deve essere perfetta, è così? Volesse il cielo ma penso proprio che non sarà così, anche perché già è successo in passato che vietarono la balneazione per lavori. I lavori vennero eseguiti ma il miglioramento non si è notato per niente.

Pulsante per tornare all'inizio
2
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex