ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

«Abbiamo provato a rimuovere il lucchetto anche con un’accetta, ma inutilmente»

I drammatici momenti che domenica sera potrebbero essere costati la vita alla turista tedesca vittima di un malore a Sant’Angelo hanno avuto diversi testimoni. Ci riferiamo ai convulsi e lunghi minuti in cui l’ambulanza è rimasta bloccata presso l’ingresso del borgo, con il paletto che impediva l’accesso al mezzo di soccorso. Una cinquantina di persone, tra turisti e tassisti, hanno assistito ma anche partecipato ai tentativi di rimozione del paletto in questione. Uno di essi, Enzo, aveva vista una ragazza tentare di rompere il lucchetto che assicurava la sbarra all’asfalto, ed è intervenuto in aiuto, ma senza risultato: «Abbiamo provato con una piccola mazza di ferro, per poi tentare ancora con un’accetta in dotazione all’ambulanza, tuttavia il catenaccio ha resistito a ogni tentativo di forzatura». Sforzi inutili, che si sono protratti per almeno venti minuti,  fino a quando è arrivato qualcuno con le sospirate chiavi del lucchetto: «Tra i presenti c’è stato chi ha ricordato che le chiavi erano in possesso di un esercente della zona, che è stato infine avvertito consentendo la rimozione del paletto». Due erano i mezzi di soccorso arrivati dall’Ospedale. Dopo l’apertura della sbarra, l’ambulanza più piccola è giunta nei pressi dell’albergo dove già erano arrivati i medici ma la turista era ormai in fin di vita, e l’esito fatale era ormai questione di momenti.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button