Statistiche
ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

QUALITÀ DELL’ARIA SULL’ISOLA D’ISCHIA? NESSUNO SA DIRCI COSA RESPIRIAMO

Le auto sono tante, tantissime. In 46chilometri quadrati di isola, nel mese di luglio, ci sono state anche 80mila veicoli. Oltre il traffico ed il caos veicolare che comporta un netto abbassamento della vivibilità dell’isola, quali sono gli altri pericoli? Ce lo siamo chiesti in questa inchiesta giornalistica. Un dato è certo: nessuno dei sei Comuni dell’isola ospita, sul proprio territorio, una centralina che misuri la qualità dell’aria. Le ultime rilevazioni dell’Arpac – agenzia regionale per l’ambiente della Campania – risalgono ad almeno cinque anni fa quando vennero installate delle centraline mobili nei pressi del porto di Ischia. Dopo, il nulla. Precedentemente, nel 2014 il Comune di Ischia aderì al programma di sviluppo sperimentale “Greenway”, una sorta di missione anti-smog: quattro centraline di rilevamento furono state installate in Piazza Antica Reggia di Re Ferdinando II di Borbone, in Via Alfredo De Luca, e Piazza degli Eroi, mentre un modernissimo computer touchscreen dall’interfaccia “user friendly” doveva essere a disposizione di tutti nel palazzo di Città di via Iasolino.

Ma la vicenda è diventata un vero e proprio mistero. Nessuno, negli anni, ha potuto conoscere i  livelli di anidride carbonica, benzene, ossidi di azoto e delle sostanze nocive che i tubi di scappamento dei nostri veicoli rilasciano nell’atmosfera. Nessuno è venuto a conoscenza dei dati. Nessuno ne sa nulla, soprattutto oggi che sono passati anni e che le centraline non ci sono nemmeno più. Conoscere, oggi, i dati della qualità dell’aria dell’isola è un’impresa. La piattaforma web breezometer.com fornisce dei dati complessivi della qualità dell’aria dell’intera isola e dei singoli comuni. “L’inquinamento atmosferico è dinamico e complesso – ci spiegano i gestori della piattaforma –  e influenza la salute con effetti a breve e lungo termine. Dopo anni di ricerche, BreezoMeter ha sviluppato un indice di qualità dell’aria globale che fornisce l’indicazione più accurata dell’inquinamento in tempo reale, a livello stradale. L’indice di qualità dell’aria BreezoMeter si basa su numerosi parametri, tra cui non solo le stazioni di monitoraggio governative (in questo caso assenti sull’isola di Ischia) ma anche modelli di dispersione atmosferica, meteo, dati satellitari, condizioni del traffico e altro ancora”. Le misurazioni di BreezoMeter rilevano la presenza di Monossido di carbonio, ozono, biossido di azoto, biossido di zolfo/anidride solforosa e di pm10 (materiale particolato con dimensione inferiore o uguale a 10 micrometri) ed il potente inquinante PM2,5. I dati (seppur empirici e come abbiamo precedentemente spiegato non basati su rilevazioni di centraline) sono buoni. BreezoMeter attesta che la qualità dell’aria sull’isola di Ischia è buona. Secondo la piattaforma web in una scala da 0 (aria pulita) e 175 (inquinata) la qualità dell’aria di Ischia si attesa intorno al numero 56. Ciò significa, sempre secondo le rilevazioni della piattaforma, che l’aria di Ischia non è inquinata.

 

GIovanna Ferrara FINE PUNTATA 4 – SEGUE

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex