Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Quelli che… uniti si vince: Federalberghi, il nuovo corso riparte dalla compattezza

ISCHIA. “Federalberghi: “Partecipazione e responsabilità”. Questo è il motto del nuovo corso secondo il neo presidente Luca D’Ambra. “Ringrazio per il coraggio, l’entusiasmo,  la fiducia tutti coloro che hanno sostenuto la mia candidatura ed espresso il loro voto a mio favore. Ma ringrazio in anticipo anche chi si è astenuto o ha espresso un voto contrario,   perché spero vorrà essere la mia coscienza critica durante il corso della mia presidenza,  che vorrei improntare alla massima collegialità nelle proposte, nelle decisioni e nelle azioni”, ha ribadito il neo presidente provando a mettere da parte tutte le polemiche che hanno accompagnato, da mesi, il voto di venerdì scorso. E qui comincia il ‘manifesto’ del neo presidente: “Ischia ha l’orgoglio di essere stata, nell’VIII sec. a. C., la prima colonia greca d’Occidente. Ora, secondo Mario Vegetti, grande conoscitore del pensiero antico, la più importante invenzione dei Greci sarebbe il polìtes, il cittadino, ovvero l’individuo che s’identifica con la comunità in cui vive.E, oltre ai punti espressi nel mio programma, è questo che vorrei caratterizzasse il nuovo corso: che noi, tutti noi aderenti a Federalberghi, tornassimo a essere, prima ancora che proprietari e gestori di strutture ricettive, cittadini. E cittadini consapevoli di vivere e lavorare in uno dei posti più belli del mondo. A Ischia c’è tutto: la dimensione dell’insularità a poche miglia da una metropoli vivace e monumentale; un mare abitato da tutte le specie mediterranee e una montagna ancora inesplorata dai turisti; clima mite, fumarole calde e acque termali; paesaggi incomparabili e vegetazione lussureggiante; cibo genuino e tradizione gastronomica, vini famosi fin dall’antichità; una storia quasi bimillenaria e reperti archeologici unici; iniziative culturali di alto livello, folklore, artigianato”. E conclude Luca D’Ambra: “Questo tutto sta a noi custodirlo e valorizzarlo, come cittadini e come albergatori, perché prima ancora dei nostri alberghi, è dell’isola che noi viviamo”.

Auguri per “il neo presidente” e saluti all’ex presidente Ermando Mennella che “ha guidato l’associazione per dieci anni in un periodo non certo semplice per l’isola e per il suo turismo” sono le prime parole del sindaco di Ischia Enzo Ferrandino. “Mi auguro – ha detto – che questo nuovo corso di Federalberghi porti un rinnovato impegno per quanto riguarda la politica dell’offerta turistica sull’isola di Ischia. Dobbiamo, infatti, migliorare la qualità del servizio che bisogna offrire agli ospiti che verranno sulla nostra isola. Ischia si sta giocando una carta importante dal punto di vista della sua credibilità turistica: dobbiamo avere la capacità di migliorare i servizi da offrire alla clientela, nonché intraprendere in maniera sinergica delle politiche di promozione cercando di riconquistare quelle fette di mercato che ci stanno girando le spalle”. E questo secondo il sindaco del Comune più grande dell’isola deve avvenire a cura della Federalberghi che deve porre in essere delle “Campagne di promozione mirate in cui l’associazione degli albergatori deve avere l’autorevolezza di coinvolgere i privati e le Istituzioni sia locali che regionali”.

D’accordo anche il sindaco di Lacco Ameno Giacomo Pascale che lancia un appello: “La Federalberghi deve essere unita. Solo in questo modo possiamo invertire questo triste trend che ci vede come isola sempre più low cost con una qualità del turismo sempre più bassa. Con la compattezza, invece, l’associazione degli albergatori può rappresentare una voce autorevole capace di interloquire con le Istituzioni. In primis con l’assessorato al Turismo della regione Campania”. L’idea di Pascale è quella di creare un valido piano di marketing territoriale e di promozione del territorio. “Gli imprenditori sono il motore dell’isola e se parlano con voce univoca hanno più forza. I dati parlano chiaro: il turismo in Campania cresce ma diminuisce quello sull’isola di Ischia. E non è solo colpa del terremoto che ci ha danneggiato ma i numeri erano già in calo precedentemente. Potremmo già lavorare con la Federalberghi per la prossima fiera di New York dove ho già sentito la partecipazione degli industriali del turismo. Questa potrebbe essere una buona occasione per portare Ischia oltreoceano in un mercato dove la fanno da padrona località della costiera Amalfitana e Sorrentina e Capri anche sull’onda del successo della fiction ‘L’amica geniale”.  “Ma non basta propagandare Ischia – continua ancora Pascale – perché poi bisogna fare i ‘compiti a casa’ per migliorare la qualità della vita sulla nostra isola e renderla sempre più accogliente”. Secondo il sindaco di Lacco Ameno uno dei primi oobiettivi della nuova presidenza di Federalbeghi deve essere quello di di “rilanciare il nostro termalismo che negli anni è scivolato al terzo posto in Italia. in pratica il lavoro che ha fatto Rizzoli dopo 50 anni si è fermato”. E conclude: “Dobbiamo però essere tutti uniti perché se continuiamo a dividerci dimostriamo di essere ciechi ed a perdere siamo tutti noi che amiamo la nostra isola”.

Francesco Pagano

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x