ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Raccolta differenziata, a Ischia ancora nessun Comune “riciclone”

Che la raccolta differenziata sia il tallone d’Achille della nostra isola è un dato ormai noto. Lo scorso anno, sulle colonne di questo giornale, riportavamo, infatti, che nessuno dei sei Comuni di Ischia, era riuscito ad aggiudicarsi il titolo di Comune Riciclone. Un riconoscimento questo, ottenibile, secondo la normativa vigente in materia, soltanto qualora si raggiunga il 65% di differenziata raccolta e che, purtroppo, stando alla classifica di Legambiente, stilata nel Luglio 2016, non fu alla portata di nessuna delle sei amministrazioni dell’isola, ben lontane dal raggiungere l’ambita vetta. Il 2016, però, ormai ce lo siamo lasciati alle spalle e anche quest’anno, giunti a Maggio, è arrivato il momento di cominciare a tirare nuovamente le somme in tema di rifiuti e differenziata, al fine di capire se per l’isola si sia registrato qualche cambiamento. E di cambiamenti ce ne sono stati, ma non tutti propriamente positivi. A testimonianza di ciò, i dati raccolti, anche quest’anno dal portale Mysir.it, che in collaborazione con LegaAmbiente, ha registrato le percentuali di differenziata raccolta, nei vari Comuni di Ischia,in questa prima metà del 2017.  Basta un solo sguardo per capire che la raccolta differenziata, in alcuni Comuni isolani, non ha subito alcuna implementazione, ma anzi, sembra aver avuto una leggere virata negativa. Sensibili cali si sono, infatti, registrati, rispettivamente, nel Comune di Casamicciola che è passato dal 44% di differenziata nel 2016, al 42, 66% del corrente anno, e nel Comune di Lacco Ameno che scende dal 42,29%, registratosi soprattutto nell’ultima parte dello scorso anno, al 41, 34% del 2017. Restano pressochè stabili, invece, il Comune di Barano che, complessivamente, nei primi quattro mesi di quest’anno ha registrato il 60,10% di differenziata raccolta e il Comune di Ischia che continua a restare fermo intorno al 54%. Barano, resta  anche l’unico Comune più vicino alla soglia del 65%.  Secondo Mysir, infatti, il mesin cui il Comune collinare ha toccato le vette più alte in termini di raccolta differenziata, è stato quello di Febbraio , durante il quale la percentuale si è aggirata intorno al 62%.

Nota positiva, invece, per Forio. Strano, ma vero, il Comune all’ombra del Torrione, ha implementato sensibilmente la raccolta differenziata: mentre lo scorso anno non era riuscito a superare neppure la soglia del 30%, in questa prima parte del 2017, Forio ha registrato addirittura il 35% di differenziata, con quota più alta, raggiunta, con il 40%, lo scorso Febbraio.  Un dato questo, certamente di non poca considerazione e che porta il territorio foriano ad un netto miglioramento in tema di rifiuti. Restano ignote, invece, le percentuali di raccolta differenziata del Comune di Serrara Fontana.  Pare che  quest’anno, infatti, non siano ancora  pervenuti i dati relativi al comune montano e quindi non possiamo sapere se per quest’ultimo ci sia stato qualche cambiamento. Lo scorso anno, comunque -lo ricordiamo – proprio il Comune di Serrara Fontana si era aggiudicato la maglia nera della differenziata, sfiorando appena il 12%. Insomma, dati alla mano, l’andamento di questo 2017, sembra essere, fatta eccezione per qualche Comune, poco positivo per l’isola,che resta ancora ben lontana dal raggiungere la percentuale del 65%. La classifica definitiva in termini di raccolta differenziata, sarà, comunque, stilata soltanto a Luglio, ma è poco probabile che in due mesi qualche comunque del nostro territorio isolano riesca ad ottenere l’ambito titolo di Comune “riciclone”. L’unico forse potrebbe essere Barano, ma questa rimane per ora solo una remota ipotesi. Vedremo cosa accadrà.

Sara Mattera

Articoli Correlati

Rispondi

Controllare Anche
Close
Back to top button