SPORT

Real Forio, oggi arriva Gabriele Festa

La dirigenza foriana avrebbe individuato il difensore centrale per chiudere il pacchetto arretrato con Iacono e Trani e per chiudere il mercato, salvo sorprese.

Quella messa il atto dal Real Forio è stata senza dubbio una rivoluzione, specialmente tecnica. L’addio di Mimmo Citarelli è stato altrettanto indubbiamente un atto dovuto e non certo per le qualità del tecnico napoletano, ma per la situazione che si era ormai creata. Già ad inizio novembre, infatti, sembrava chiaro che il percorso in biancoverde di Mimmo Citarelli, almeno per ciò che attiene alla prima squadra, fosse terminato. Chissà che optando per un cambio in quel momento se i vari Savio, Conte, Di Costanzo o Davide Trofa, il cui futuro calcistico sembra ancora appeso ad un filo sottilissimo, sarebbero rimasti in biancoverde.

sdr

Probabilmente, però, se gli aventi si fossero effettivamente svolti in quel particolare modo, non ci sarebbe stata la mobilitazione popolare che invece è seguita all’addio di Citarelli e che già prima della partita contro l’Afro Napoli aveva fatto accadere qualcosa di importante. Con la discesa in campo del tifo foriano, con la vicinanza dell’amministrazione comunale, si è finalmente configurata la tanto sperata rivoluzione, che ha portato per il momento ben 6 nuovi arrivati alla corte di Nello De Siano. Due di questi, Amabile e Babù, si sono già presi la scena nel primo match di questo nuovo corso foriano, quella di domenica mattina contro il Real Poggiomarino, un vero e proprio scontro diretto.

dav

Dal punto di vista della prestazione, tutti i nuovi arrivati hanno a loro modo impressionato in quanto a qualità e voglia, ma forse è stato proprio quel ragazzino classe 1980 di origini brasiliane a lasciare il segno più importante. La classe, si sa, non invecchia mai, e anche con appena un allenamento alle spalle, Babù non ha dimostrato solo di essere utile, ma di essere addirittura letale. La condizione fisica è leggermente precaria per affrontare le gare come gli chiede il tecnico, ma col passare delle settimane e degli allenamenti, la sensazione è che il suo apporto possa decisamente crescere, rendendo anche possibile un qualcosa che fino a poche settimane fa sembrava un miracolo. Mettendo da parte i due marcatori di domenica, però, va detto per onestà che anche Esposito, Galloppa, Joof e lo stesso Matteo Trani hanno disputato una prova egregia, gettando le basi per il successo che poi è prontamente arrivato.

dav

Nemmeno il tempo di esultare, però, che all’ombra del Torrione è già emergenza, con Trani che non sarà disponibile per partita per via di alcuni impegni personali, presi da svincolato. Che il Real Forio dovesse prendere ancora almeno un difensore centrale di ruolo era cosa chiara e palese, ma l’assenza di Trani in quest’altro match chiave, in trasferta con il Marcianise, ha messo la dirigenza con le spalle al muro per trovare un nuovo calciatore. Fondamentale, nella creazione di questo nuovo Real Forio, l’apporto di tante energie nuove, come si è detto, tra le quali merita una menzione speciale Antonio Perrotta, ritornato in biancoverde dopo qualche anno di pausa, ma sempre col solito telefono rovente. Tanti i nomi per la difesa foriana che si sono rincorsi nelle ultime due settimane, ma pare che la definitiva fumata bianca sia poi arrivata per l’ingaggio di Gabriele Festa.

dav

Centrale di buona struttura fisica, Festa è un calciatore del 1994, di piede mancino, che all’occorrenza è stato impiegato anche da esterno. Il giocatore nella prima parte di questa stagione ha vestito la casacca granata del Pomigliano, altra squadra che ha vissuto un momento decisamente negativo. Ora pare che il giocatore sia pronto per questa nuova avventura sull’isola d’Ischia per cercare di centrare l’obiettivo insieme ai suoi nuovo compagni di squadra. Il suo attivo dovrebbe avvenire oggi stesso, dopo tanti colloqui e trattative che lo hanno riguardato. Da quanto trapela, la società biancoverde avrebbe avuto il suo profilo in agenda già dall’inizio di questa seconda fase, anche se poi è stata chiamata a superare non poche difficoltà per assicurarsi l’arrivo di Festa. Ora con quest’ultimo colpo il mercato foriano potrebbe probabilmente dirsi chiuso, anche se non è escluso che sotto l’albero il Real Forio possa trovare un nuovo giocatore, o magari uno vecchio.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close