Statistiche
CRONACA

Record di imbarchi per il porto di Ischia nel 2019

I dati ufficiali diffusi da Federalberghi e dall’Ente Bilaterale Nazionale del settore Turismo evidenziano la crescita dello scalo di via Iasolino. Diminuiscono i passeggeri a Casamicciola e Procida

Il porto di Ischia è stato, nel 2019, il quinto porto d’Italia per numero di passeggeri. A rivelarlo ‘Datatur’ lo studio d Federalberghi sui trend e sulle statistiche sull’economia del turismo. lo studio, realizzato da Federalberghi e dall’Ente Bilaterale Nazionale del settore Turismo con il supporto tecnico scientifico di Incipit consulting, illustra le dinamiche dell’economia turistica, con particolare attenzione a quelle del comparto alberghiero, descrivendone, in modo semplice e sintetico, i principali indicatori. Nella graduatoria dei primi 25 porti italiani per numero di passeggeri, stilata da Federalberghi su dati Istat, c’è anche quello di Casamicciola che si attesta alla 19esima posizione. A seguire, alla 22esima posizione, anche quello di Procida. Ischia ha registrato oltre 4milioni e mezzo di passeggeri (4.788.000 per la precisione) con una crescita di oltre il 20% (per la precisione 24,4) rispetto alle annualità 2018. In calo, invece, i porti di Casamicciola e di Procida. La città termale ha incassato un decremento pari all’11,2% con oltre un milione e 200 mila passeggeri (1.249.000 per l’esattezza). Stessa sorte anche per il porto della prossima Capitale italiana della Cutura che ha fatto registrare meno di un milione di passeggeri (854mila per la precisione) con un calo di oltre 20punti percentuale (-20,4% per la precisione) rispetto ai dati registrati nell’anno 2018.

L’undicesima edizione di Datatur, realizzata da Federalberghi e dall’Ente Bilaterale Nazionale del settore Turismo con il supporto tecnico scientifico di Incipit Consulting, delinea un quadro ancora molto critico per l’Italia e il resto del Mondo, segnato dall’emergenza per la pandemia di Covid-19 che ha colpito il nostro Paese più duramente di altri e che ha avuto nel 2020 e sta tuttora avendo conseguenze pesantissime sul sistema economico italiano, in particolar modo sul turismo. L’associazione sindacale degli albergatori, nel report diffuso qualche settimana fa, ha illustrato l’andamento dell’economia italiana nel 2020 alla luce della pandemia. Secondo Federalberghi “Riguardo infine al trasporto marittimo, anche in questo caso non sono ancora disponibili i dati ufficiali Istat relativi al 2020, ma le stime e i dati provenienti da altre fonti delineano un quadro estremamente critico. Secondo quanto affermato nel rapporto dell’‟Osservatorio COVID-19 sui trasporti marittimi e la logistica” realizzato da SRM, tutte le Autorità del Sistema Portuale italiano lamentavano ad aprile scorso l’azzeramento quasi totale del trasporto passeggeri e delle crociere e, comunque, anche dopo la “riapertura”, la necessità di viaggiare riducendo la disponibilità dei posti per garantire il distanziamento fisico faceva ritenere ad Assarmatori che i ricavi del trasporto passeggeri sarebbero calati nel 2020 tra il 50% e il 70% tra biglietti e introiti accessori. Previsioni che sono state confermate dall’Indicatore Trasporti Confcommercio (ITC) secondo cui il traffico marittimo sarebbe crollato nel 2020 del 73%. Anche per il trasporto marittimo, così come per quello ferroviario, il crollo del 2020 viene dopo un anno, il 2019, in cui i risultati erano stati positivi, seppure non al livello delle ottime performance dell’anno precedente: il numero di passeggeri imbarcati e sbarcati nei porti italiani era aumentato di oltre un milione, in crescita dell’1,3% rispetto al 2018”.

Bene anche gli altri porti della Campania che hanno registrato un aumento di passeggeri. A Napoli nel 2019 sono sbarcati oltre 9milioni di passeggeri (9.257.000 per l’esattezza mentre nell’anno precedente erano stati 7.006.6000) con una percentuale positiva del 31% rispetto all’anno precedente preso come riferimento. Buoni anche i numeri dei passeggeri sbarcati a Capri. Nel 2019 sono stati oltre quattro milioni (4.796.000 per la precisione, mentre nel 2017 sono stati 4.785.000 ) i passeggeri sbarcati sull’isola azzurra. Un numero che rappresenta lo 0,2% in più rispetto all’anno precedente. In crescita anche i passeggeri del porto di Sorretto e di Pozzuoli. A Sorrento si sono imbarcati oltre 2milioni di passeggeri (2.474.000) che hanno fatto registrare una crescita del 7,3% rispetto al 2018; mentre a Pozzuoli sono stati oltre di 1milione e 900mila (1.930.000 per la precisione) i passeggeri del 2019 con una crescita del 26,8% rispetto all’anno precedente.  

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x