POLITICA

REGIONE Lunedì il primo consiglio “orfano” di isolani

Adesso ci siamo, è tutto pronto per tirare giù i veli e mettersi finalmente all’opera, in un periodo peraltro decisamente delicato. Lunedi prossimo parte l’undicesima legislatura della Regione Campania: il consigliere anziano (per età) Alfonso Piscitelli – eletto a Caserta nelle file di Fratelli d’Italia – ha infatti convocato il consiglio regionale per la seduta d’insediamento, che avverrà alle ore 11.30 di lunedi 26 ottobre, nell’auditorium della regione, al centro direzionale. Ovviamente è stato redatto anche l’ordine del giorno che per ovvi motivi prevede una serie di adempimenti che vi riportiamo integralmente: la presa d’atto della proclamazione degli eletti, avvenuta la scorsa settimana presso la Corte d’Appello di Napoli; l’elezione del presidente e dell’ufficio di presidenza del consiglio regionale; l’esposizione del programma di governo da parte del presidente della giunta De Luca.

Quella che inizierà sarà una consiliatura che, a differenza dei cinque anni passati, non vedrà la presenza di esponenti politici isolana all’interno della civica assise di Palazzo Santa Lucia. Dopo che nell’ultimo quinquennio in consiglio aveva seduto l’avvocato Maria Grazia Di Scala, la cui mancata rielezione è stata addebitata a cause delle più disparate ma oggettivamente poco credibili, in particolare la candidatura di Peppe Silvitelli a Casamicciola. Non è certo che con quei 200 voti in più che avrebbe potuto raggiungere l’obiettivo, fallito per ben altri motivi (e a dirlo è la matematica): un risultato non all’altezza di quello del 2015 in terraferma, ma anche nella “sua” Barano e ad Ischia, per non parlare di Lacco Ameno dove ha ottenuto a stento il 20 per cento delle preferenze del candidato sindaco (De Siano) che avrebbe dovuto trainarla. Troppi indizi fanno una prova, ecco perché sparare sul pianista (casamicciolese) è stato francamente il volersi creare un alibi fuori da ogni logica.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button