ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

“Regno di Nettuno, adesso si volta pagina”

Basta all’ambientalismo estremista “Con la firma della convenzione, con l’avallo del ministero dell’Ambiente, tra la Guardia costiera, titolare della gestione transitoria, e l’area marina protetta Punta Campanella si apre una nuova stagione per quell’area e siamo sicuri che, con la guida di Antonino Miccio, si potrà finalmente cominciare a pensare a una nuova fase”. Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che, da assessore provinciale ai parchi e alle aree protette, fu tra i promotori dell’istituzione dell’area, per il quale “Miccio è sicuramente un simbolo di efficienza e del nuovo ambientalismo non estremista, pronto e deciso nel tutelare e valorizzare le aree protette, ma senza imporre inutili e anacronistici vincoli che, nei fatti, bloccano tutto, compresa la tutela e la valorizzazione, lasciando spesso le aree stesse in balìa dell’incuria”. “Ora ci auguriamo che i Comuni interessati all’area protetta riescano a trovare un accordo che permetta di far finalmente decollare l’area marina protetta del Regno di Nettuno che è un patrimonio storico e naturale unico al mondo” hanno concluso Borrelli per il quale “si è arrivati al commissariamento da parte del Ministero per la gestione, a mio avviso, sbagliata dei comuni e del precedente responsabile dell’area marina protetta, Riccardo Strada”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close