Statistiche
ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Restyling al Liceo di Ischia: così la scuola si fa “bella”

di Sara Mattera

ISCHIA.Operazione di restyling in corso al Liceo Statale di Ischia. Nell’ambito di “Scuole Belle”, progetto finanziato dal Ministero della Pubblica Istruzione e che prevede interventi di manutenzione, decoro e ripristino funzionale delle varie sedi scolastiche italiane, anche nel nostro liceo isolano, sono partiti, in queste ore, alcuni lavori di ristrutturazione. Oggetto di quest’opera di restyling, entrambe le sedi dell’istituto: quella di Lacco Ameno dove sono dislocate alcune classi del liceo scientifico, del liceo linguistico e le quarte e quinte ginnasiali del classico e quella di Ischia, in via delle Ginestre, presso il polifunzionale, dove sono allocate le restanti classi dei vari indirizzi di istruzione. I lavori sono partiti lo scorso 26 Aprile nella sede di Lacco Ameno, dove, in questi giorni, gli operai della ditta incaricata dalla Città Metropolitana di Napoli, la Partenope srl, si sono messi all’opera per ridipingere sia le mura esterne dell’edificio sia quelle interne di aule e laboratori. Finiti questi interventi a Lacco Ameno, ci si sposterà, poi, nella sede centrale di Ischia dove i lavori saranno effettuati con le medesime modalità della sede scolastica lacchese: durante le ore mattutine si pittureranno gli esterni, nelle ore pomeridiane, invece, con la scuola libera dalla presenza degli studenti, si pittureranno gli interni.  Questi interventi manutentivi risultano quanto mai necessari ed urgenti. L’intonaco rovinato dei due edifici, infatti, era già stato attenzionato nei mesi scorsi, conseguenza non solo della mancata manutenzione dell’istituto perpetrata nel corso degli anni, ma anche delle continue infiltrazioni delle acque meteoritiche.  Infiltrazioni che, causate da un sistema incompleto e poco efficiente  di smaltimento dell’acqua piovana, hanno finito per danneggiare l’intonaco sia delle mura esterna che di quelle interne dell’istituto, creando anche numerose muffe. I lavori di adeguamento del Liceo, però, non finiscono qui. Già nelle scorse settimane, la ditta incaricata dalla Città Metropolitana di Napoli si era portata presso la sede di Lacco Ameno per sistemare le coperture di policarbonato delle scale dell’edificio, cercando di limitare, così, proprio, le infilitrazioni di acqua. Nella sede centrale di Ischia, invece, erano stati effettuati alcuni lavori per il ripristino della guaina del tetto ed interventi di manutenzione all’interno di un aula situata al secondo piano dell’edificio e dalla quale, gli studenti di una terza del liceo scientifico erano stati “sfrattati” momentaneamente. Insomma, la macchina operativa per regalare un tocco di decoro al liceo isolano è partita in quarta e, tutto ciò, è stato possibile non solo grazie ai finanziamenti ottenuti con “ScuoleBelle”, ma anche grazie al contributo scolastico versato dai genitori degli studenti frequentanti l’istituto e i cui introiti sono serviti, in parte, ad effettuare alcuni interventi manutentivi. E, sarà sempre grazie al contributo versato alla scuola che, a quanto pare, nelle prossime settimane, di provvederà anche alla pulizia dei pozzetti fognari degli edifici che risultano intasati e maleodoranti- specie quelli nella sede di Lacco Ameno e al cui intervento di pulizia non ha potuto, purtroppo, provvedere, la Città Metropolitana di Napoli. Il Liceo di Ischia, quindi, si fa bello, grazie a questi piccoli, ma significativi interventi con i quali, si cerca di far fronte, almeno in minima parte, alla carenze strutturali che l’istituto isolano è costretto a combattere da tempo.  Giusto qualche mese fa, infatti, attraverso il sito internet ScuolaZoo, il rappresentante del liceo, Alessandro Mele, aveva segnalato una serie di problematiche riguardanti sia la sede lacchese che quella di Ischia: da quelle relative alla pavimentazione, agli intonaci cadenti, passando per l’inadeguatezza degli spazi e delle aule non tutte propriamente a norme di sicurezza.  Un istituto  quello del liceo che- ricordiamo- attualmente conto 1366 alunni, suddivisi in 66 classi. Se non altro, quindi, se ancora non è possibile far fronte a problemi di più difficile risoluzione come quelli di spazio, quanto meno, grazie a questi interventi di restyling il liceo di Ischia potrà riacquistare un po’ di decoro, con la speranza che, comunque, prima o poi, si sopperiscano anche  tutte le altre carenze strutturali.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x