CRONACA

Ricariche per i veicoli elettrici, l’Enel “bussa” a Casamicciola

La società ha inviato al Comune il protocollo d’intesa con cui si impegna a realizzare le infrastrutture necessarie per promuovere la mobilità elettrica

Anche il Comune di Casamicciola è interessato al progetto per l’installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici. L’Enel X Mobility, il settore di Enel dedicato ai servizi di mobilità elettrica, ha inviato all’ente del Capricho lo schema di protocollo d’intesa per l’installazione delle citate infrastrutture di tipo JuiceMedia, che serviranno alla ricarica di veicoli elettrici, e che avranno il duplice scopo di ricaricare fino a due veicoli e di trasmettere pubblicità raccolta da Media Company in partnership con Enel X Italia. Toccherà all’esecutivo guidato dal sindaco Castagna analizzare ed eventualmente approvare il protocollo d’intesa, che ha una durata di otto anni, prorogabili e rinnovabili: l’intervento sarà interamente finanziato da Enel X Mobility, dunque senza nessun onere economico per il bilancio comunale, e senza riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria e sul patrimonio dell’ente. Al Comune è richiesta la concessione di suolo pubblico a titolo non oneroso così come disciplinato dalla legge n.120 dell’11 settembre 2020, con le modifiche del decreto-semplificazioni e l’autorizzazione verso Enel X Italia per trasmettere messaggi pubblicitari.

Richiamandosi alla legislazione europea e nazionale, l’amministrazione comunale potrebbe puntare sulla mobilità elettrica per le sue potenzialità in termini di riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, oltre che per la possibilità di numerose applicazioni a livello cittadino, tra le quali la mobilità privata su due e quattro ruote, il trasporto pubblico, la logistica e la gestione delle flotte. Da parte sua, il Gruppo Enel X considera la mobilità elettrica una significativa opportunità per lo sviluppo sostenibile nel settore dei trasporti e ha avviato un ampio programma di ricerca e di investimenti al fine di supportarne l’affermazione e la crescita nel medio termine e per questo ha ideato un sistema di infrastrutture intelligenti per la ricarica dei veicoli elettrici composto da diversi modelli. Modelli tutti gestiti con le più avanzate tecnologie informatiche per il controllo e la gestione remota e in grado di rispondere alle attuali e future esigenze di una mobilità urbana evoluta e sostenibile. Fra l’altro due anni fa Enel X ha siglato un protocollo d’intesa con l’Associazione nazionale guida legislazioni andicappati trasporti (Anglat) dopo il quale sono state sviluppate soluzioni tecnologiche per la ricarica dei veicoli elettrici fruibili da parte di persone con disabilità, a partire dagli stalli delle stazioni di ricarica che sono stati ripensati secondo metodologie progettuali aventi come obiettivo la progettazione e la realizzazione di edifici, prodotti e ambienti che siano accessibili a tutte le persone.

L’Enel X Mobility è disposta a installare e gestire le infrastrutture di ricarica senza oneri per l’amministrazione, mentre al Comune è richiesta la concessione del suolo pubblico a titolo non oneroso

Il protocollo in questione, composto da 18 articoli in totale, è diviso essenzialmente tra gli impegni a cui saranno tenute le due parti. L’Enel X provvederà a ottenere autorizzazioni e a eseguire le installazioni e tutte le attività annesse, mentre il Comune individuerà e metterà a disposizione le aree idonee per le infrastrutture di ricarica. A Lacco Ameno la giunta, sotto la spinta della consigliera delegata Carmela Monti, ha già dato mandato al sindaco per la firma al protocollo. Presto dunque ampie aree dell’isola potrebbero essere dotate delle colonnine di ricarica nell’ottica di un significativo cambiamento della mobilità locale.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex